bienno2

Con la tariffa puntuale dimezzato il flusso di rifiuti residui a Bienno in Valcamonica

L’Unione degli antichi Borghi della Val Camonica è un’unione di Comuni che raggruppa sotto di sé sette municipi della Provincia di Brescia: Bienno, Borno, Breno, Malegno, Niardo, Ossimo e Prestine. Costituitasi nel 2010, l’Unione si pone come obiettivo, fra gli altri, quello di “migliorare la qualità di tutti i servizi erogati nei singoli Comuni ed ottimizzare le risorse economico-finanziarie, umane e strumentali impiegandole in forme unificate” (Art. 2 comma 2/a dello Statuto).

Nel rispetto dei principi statutari, l’Unione ha deciso così di uniformare il servizio di raccolta degli RSU, passando alla raccolta porta a porta ed, in prospettiva, alla tariffazione puntuale. La progettazione del nuovo servizio è stata affidata ad ESPER che, recependo i desiderata delle amministrazioni, ha redatto uno studio relativo alla situazione esistente ed  un progetto ad hoc per la realtà interessata.
Nei comuni dell’Unione il servizio di raccolta e selezione degli RSU è svolto dalla Valle Camonica Servizi srl, società interamente pubblica partecipata da 46 enti locali della Valle.  Società che si è dimostrata pronta e collaborativa nel recepire le indicazioni politiche che giungevano dalle Amministrazioni, attiva e propositiva nella fase di progettazione del nuovo servizio e nella sua fase di attuazione.
Parliamo con il dott. Bruno Poetini, Dirigente della Valle Camonica Servizi srl e responsabile del progetto esecutivo.

Qual era la situazione dei sistemi di raccolta nei Comuni dell’Unione prima della revisione del servizio?
Era una situazione estremamente disomogenea. Su sette comuni due erano a raccolta domiciliare spinta; uno aveva un servizio di raccolta domiciliare solo per il rifiuto indifferenziato e per il multimateriale, mentre la carta era raccolti con campane stradali; quattro comuni erano a raccolta interamente stradale. Su questa situazione di partenza andavano ad innestarsi altre situazioni problematiche di utenze specifiche, che complicavano ulteriormente il quadro. Dunque una disomogeneità che rendeva difficile la gestione del servizio, impedendone un’ottimizzazione sia in termini di performances che in termini economici. Partendo da questa situazione l’Unione e Valle Camonica Servizi srl hanno deciso di affidare ad ESPER un incarico per la redazione di uno studio dell’esistente, e per la redazione di un progetto che portasse tutti i Comuni ad un sistema di raccolta domiciliare di tutte le frazioni, fatta esclusione per il verde e gli sfalci che continueranno ad essere raccolti con una raccolta stradale. Questo il primo traguardo il secondo sarà, con tempi differenti dettati dalle agende politiche di ogni Comune, il passaggio per tutti i Comuni dell’Unione alla tariffazione puntuale, calcolata sul numero degli svuotamenti dei contenitori di ogni utenza.

Quali sono gli obiettivi a cui tendete? Quali gli step per raggiungerli?
L’obiettivo è l’omologazione del servizio di raccolta in tutti i Comuni, ovvero passare ovunque al porta a porta spinto su tutte le frazioni. Con tempi differenti, il passaggio alla tariffazione puntuale sarà il passaggio successivo, ma è una decisione che ogni Comune potrà prendere in autonomia. Il sistema che stiamo implementando è già predisposto per l’attivazione di un sistema di tariffazione puntuale: i contenitori che stiamo distribuendo sono dotati di trasponder UHF e alla consegna vengono già associati all’utenza e i mezzi di raccolta sono dotati della strumentazione necessaria alla lettura dei trasponder.
Ragionevolmente, l’obiettivo è di far partire entro il 2015 la raccolta porta a porta nei comuni di Breno Niardo e Prestine, che andranno ad aggiungersi a quelli a quelli di Bienno (raccolta attivata nell’ottobre scorso) e Malegno (attivazione della raccolta programmata per il prossimo marzo). Nel 2016 partiranno anche Borno e Ossimo. Per quel che riguarda la tariffazione puntuale, Bienno è già partito, Malegno partirà nel corso del 2015. Nel 2016 passeranno a tariffazione puntuale i Comuni passati al porta a porta nel 2015: Breno, Niardo e Prestine. Infine nel 2017 sarà la volta di Borno ed Ossimo.
Non nascondiamo che inizialmente c’era da parte del Gruppo Valle Camonica Servizi qualche scetticismo legato al passaggio ad un sistema di porta a porta già predisposto per la tariffazione puntuale, in particolare legato agli investimenti significativi che avremmo dovuto compiere. Per noi uno sforzo economico e finanziario ingente. Dubbi cancellati dalla bontà del progetto e dalle prime risposte che stiamo ottenendo dai Comuni dove il servizio è già attivo. Bontà del progetto e risultati che stanno spingendo altri comuni della valle a chiederci di passare ad un sistema di raccolta e tariffazione uguale a quello che stiamo attuando e attueremo con gli Antichi Borghi della Val Camonica. Penso che nel medio periodo (3-5 anni) il 50% dei Comuni della Valle avranno almeno iniziato, se non già completato, il percorso verso la raccolta porta a porta su tutte le frazioni e la tariffazione puntuale.

Quali sono i risultati raggiunti, quali gli obiettivi?
Parliamo del Comune di Bienno. Partiva da una percentuale di raccolta differenziata del 60%, raggiunta attraverso un sistema di raccolta già porta a porta su tutte le frazioni. Nel primo mese del nuovo servizio, ottobre 2014, la percentuale è schizzata al 75,4%, per poi assestarsi al 72% .
Sicuramente la percentuale è destinata a salire: ancora il servizio ha spazi di miglioramento legati ad utenze particolari che ancora presentano problematiche in via di risoluzione. Non solo: dal 1 gennaio il Comune di Bienno è passato a tariffazione puntuale. Quando il concetto del “pago per quanto produco” sarà completamente consolidato  e chiaro ai cittadini ci potrà essere un ulteriore miglioramento delle performances del sistema.

Il Comune di Bienno, circa 3600 abitanti, dunque fa da apripista per tutti i Comuni dell’Unione, per espressa volontà del Sindaco Massimo Maugeri.

Ne parliamo proprio con il Sindaco Maugeri, a cui chiediamo di presentarci il Comune.
Bienno è un comune di 3600 abitanti circa, che ha delle caratteristiche particolari, che attirano numeri significativi di visitatori.
Innanzitutto la Mostra Mercato dell’Arte e dell’Artigianato, che tutti gli anni a fine agosto attira 200.000 visitatori in 9 giorni. Ma non solo: i musei di Bienno attirano per tutto l’anno un flusso costante di visitatori.
L’aspetto spirituale è soddisfatto dalla statua del Cristo Re, che ricorda da vicino quella di Rio de Janeiro, e dalle strutture ecclesiastiche e monacali (datate a partire dal XIV secolo) che sorgono sul territorio. Inoltre è di recente nascita il progetto “Bienno Borgo degli Artisti”, un’iniziativa per la promozione di nuove produzioni artistiche e culturali, che intende esaltare il modello della “bottega d’artista”, incentivando  nuovi artisti, designers, creativi a risiedere nel centro storico di Bienno e nel contesto della Valle Camonica.
Tutto ciò incastonato in un paese dal centro storico medioevale di grandissimo pregio. L’insieme di tutte queste caratteristiche (e l’elenco non è esaustivo), ha fatto sì che Bienno sia stato inserito come rappresentante della Regione Lombardia all’interno del concorso “Il Borgo preferito dagli Italiani”, andato in onda all’interno della famosa trasmissione di Rai 3 “Alle falde del Kilimangiaro”, raggiungendo il ragguardevole risultato di Comune preferito del centro-nord Italia, quinto a livello nazionale. Oltre a questo altre importanti emittenti nazionali, come RAI2, CANALE 5, LA 7, hanno fatto tappa nel borgo attirati dalle sue peculiarità. Bienno fa inoltre parte del Club dei Borghi più belli d’Italia, del Touring Club ed è certificato Emas. Potrete trovare tutte le informazioni sul sito dedicato: www.bienno.info

Arriviamo al nuovo servizio: cosa vi ha spinto ad accelerare in maniera decisa verso una revisione del sistema di raccolta e la tariffazione puntuale?
Il Comune di Bienno già dal 2011 aveva attivato il sistema di raccolta Porta a porta spinto. Avevamo però raggiunto un livello di stallo: le percentuali di RD erano praticamente stabili intorno al 62% e non ci soddisfacevano. Quindi era necessario dare un’accelerata, e abbiamo deciso di rilanciare.
Non solo: riteniamo ineludibile l’attuazione del principio per cui “chi più inquina più paga” o meglio: chi più differenzia meno paga. È anche una questione di equità e di giustizia: chi differenzia non può pagare quanto chi decide di non farlo. Questo era un punto qualificante del nostro programma elettorale, e lo abbiamo attuato.

I risultati raggiunti vi soddisfano? Quali sono gli obiettivi che vi siete prefissati?
Le percentuali raggiunte, ad essere sinceri sono molto buone, ma non ci soddisfano appieno: il nostro obiettivo è quota 80%. Abbiamo percorso in soli tre mesi più della metà della strada, e mi pare un buon risultato. Tanto più che ci sono una serie di piccoli problemi ancora da risolvere. Oltre ad alcune utenze specifiche, abbiamo verificato come alcuni cittadini preferiscano buttare la loro sporta dei rifiuti nei cestini stradali piuttosto che utilizzare, come dovrebbero fare correttamente, i cassonetti forniti dalla Valle Camonica Servizi. Meglio nei cestini stradali che in mezzo ai campi o nel fiume, ma comunque non si può e non si deve fare. Abbiamo fatto una campagna informativa, ora acquisteremo una telecamera mobile per controllare e sanzionare eventuali abbandoni. Ma abbiamo fiducia nei nostri cittadini, sappiamo che il problema sarà risolto.
Unendo i risultati derivanti dalla risoluzione dei problemi alla dimestichezza che i cittadini prenderanno con il nuovo servizio, siamo convinti che arriveremo a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati.