ACV-CONAI

ACV risponde al CONAI

MONSANO, 24 luglio 2013 -“Per migliorare ulteriormente questo sistema di successo il Conai, oltre ad accompagnare e favorire la costruzione di filiere del riciclo dove esse sono deboli, dovrebbe raccogliere l’appello dell’Associazione Comuni Virtuosi e premiare le amministrazioni che svolgono raccolta differenziata di maggior qualità, sia dal punto di vista della quantità che dei materiali raccolti, perché rappresentano la punta avanzata delle nostre amministrazioni”. A sostenerlo è Ermete Realacci, Presidente della Commissione Ambiente Territorio e Lavori Pubblici della Camera, in occasione della presentazione del Programma Generale di prevenzione e di gestione degli imballaggi e dei rifiuti di imballaggi Conai 2013.

Rispetto alle dichiarazioni emerse nel corso della conferenza stampa ci preme qui sottolineare alcune evidenti contraddizioni emerse, rispetto a dati e cifre che sono molto lontane dalla realtà.

A pag. 372 del rapporto ISPRA si afferma che gli imballaggi immessi al consumo in Italia nel 2011 sono stati 11,617 milioni di tonnellate con dati desunti dai Piani specifici di prevenzione dei Consorzi di filiera.

A pag. 43 del rapporto si afferma che la produzione totale di rifiuti urbani in Italia nel 2012 è pari a 29,962 milioni di tonnellate (nel 2011 era pari a 31,386 milioni di tonnellate). Se la matematica non è un opinione se si divide 11,617 con 29,962 si ottiene esattamente il 38,8%. Sarebbe quindi interessante capire quali studi ha condotto il Dott. Capodieci per riuscire ad affermare, contraddicendo l’ISPRA e perfino il Conai, che gli imballaggi rappresentano solo il 20% del totale dei rifiuti urbani.

Se fosse vero che gli imballaggi presenti nei rifiuti fossero realmente il 20 % del totale dei rifiuti urbani (cioè 6,277 milioni di tonnellate) il Conai potrebbe vantare di aver raggiunto il 120 % di riciclo poiché nella relazione di bilancio 2013 si afferma che ha recuperato 7,507 milioni di tonnellate nel 2011.

Durante la conferenza stampa il Dott. Facciotto dichiara che “I ricavi da contributo ambientale del Sistema CONAI-Consorzi nel 2012 sono stati pari a 365 milioni di euro” ma a pagina 13 della relazione di Bilancio Conai 2012 scaricabile qui http://www.conai.org/hpm00.asp lo stesso Conai dichiara che il CAC incassato nel 2012 è pari a 497 milioni di euro mentre i 365 milioni di cui parla sono solo i contributi dichiarati.

Un altro dato fornito è che “I ricavi per la valorizzazione dei materiali sono risultati pari a 180 milioni di euro” ma tale dato non si può ricavare né dal bilancio Conai 2012 e neppure dai Bilanci dei Consorzi di filiera che non sono ancora stati pubblicati per quanto riguarda il 2012 ma risulta stranamente di gran lunga inferiore ai ricavi ottenuti nel 2012 pur in presenza di quotazioni delle materie prime seconda sostanzialmente stabili e dell’obbligo assunto dal Comieco di rispettare gli impegni assunti con l’Antitrust (fonte http://www.agcm.it/stampa/news/5515-i730-riciclaggio-carta-accettati-e-resi-obbligatori-gli-impegni-di-comieco.html) di un aumento dei quantitativi venduti tramite aste nel 2012 riducendo quindi la quota di materiale ceduto direttamente ai propri consorziati a prezzi largamente inferiori a quelli di mercato Anche il Consorzio Coreve ha subito la stessa censura da parte dell’Antitrust (in precedenza non esplicitava alcun ricavo dalla cessione del rottame di vetro ai propri associati che sono ) mentre se venisse applicato anche in Italia il prezzo di cessione stabilito in Francia da Ecomballages per il rottame di vetro selezionato (http://www.verre-avenir.fr/var/plain_site/storage/original/application/0dbbd88a77267aac0cf8131897956f48.doc) il valore dei ricavi per il solo vetro sarebbe di 34 milioni di euro (nel bilancio Coreve 2011 la somma tra costi di cessione e ricavi era invece pari a zero).

Sarebbe quindi opportuno che i Consorzi di filiera pubblicassero i propri bilanci dettagliati ed esponessero per intero i ricavi ottenuti poiché l’Antitrust ha più volte evidenziato che tale condotta non risulta soltanto in contrasto con la normativa sulla libera concorrenza ma, usando gli stessi termini utilizzati dall’Antitrust (fonte: http://www.agcm.it/trasp-statistiche/doc_download/78-ic26testo-indagine.html), determina anche una preoccupante “opacità gestionale” sugli effettivi incassi del sistema Conai. La conferenza stampa voluta dal CONAI per rispondere al nostro Dossier e ribadire la bontà della propria azione, ha di fatto confermato che tutto quanto sostenuto nel nostro documento corrisponde al vero e che è quanto mai necessario che il nuovo accordo che l’ANCI dovrà sottoscrivere debba essere ribilanciato, nella distribuzione delle risorse, a tutto vantaggio degli enti locali.

Se questo non dovesse avvenire il sistema Conai potrebbe perseverare nella decisione di utilizzare quello che l’On Realacci ha definito il “tesoretto del Conai” (317 milioni di euro messi a riserva esclusivamente nel 2010 e 2011) esclusivamente per ridurre ulteriormente il contributo ambientale che devono versare i propri associati (che è passato, ad esempio, da 22 €/tonnellata del 2011 a 6 €/t nel 2013 e va confrontato con i 164 €/t che deve essere versato dalle nostre aziende quale contributo ambientale appena le nostre merci varcano il confine con la Francia).

– La campagna dei Comuni Virtuosi