Articoli

Parma all’80% di raccolta differenziata

Oggi Parma, anche per effetto del metodo di calcolo del nuovo decreto ministeriale, raggiunge la percentuale del 79,4% (nel primo trimestre 2016 RD al 72,9%) per la raccolta differenziata.

Il sindaco Federico Pizzarotti a questo proposito esprime “una grande soddisfazione e motivo di orgoglio per il determinante contributo che hanno dato i miei cittadini al raggiungimento di questo obiettivo che mai prima d’ora una città delle nostre dimensioni aveva raggiunto”.

L’assessore all’Ambiente Gabriele Folli interviene: “E’ un risultato importante che ci ha permesso in questi anni di ridurre in maniera drastica l’impronta ambientale per la gestione dei rifiuti della nostra città senza incrementare i costi del servizio per le famiglie. Ora è il momento di offrire nuovi servizi ed opportunità di riduzione della tariffa ai comportamenti virtuosi, oltre a quanto già avviene con la tariffazione puntuale sin dal luglio 2015”.

Nel dettaglio gli indicatori principali hanno registrato incrementi positivi di raccolta dei materiali per carta e cartone (+1,1% rispetto al 2016), frazione organica (+0,5%), plastica e barattolame (+2,1%) e vetro (+8,7%).

Altro dato importante, nonostante gli eccellenti livelli già raggiunti nel corso del 2016, viene registrato per quanto riguarda la raccolta domiciliare del secco non riciclabile che nel primo trimestre ha visto un calo del 6%.

Maggiore intercettazione delle frazioni riciclabili e drastica riduzione del rifiuto residuo procapite sono le chiavi vincenti di un sistema che permettono, da un lato di incrementare i corrispettivi da parte del CONAI e dall’altro di ridurre drasticamente i costi di smaltimento del residuo e di ricevere incentivi grazie alla legge regionale sull’economia circolare.

 

Fonte: Comune di Parma