Articoli

In Italia ancora troppo spreco alimentare, ma siamo sulla strada giusta

Secondo il rapporto “caso Italia” realizzato con i dati raccolti dai Waste Watcher International Observatory con Distal Unibo su rilevazioni IPSOS, pubblicato in occasione dell’ottava Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare che si celebra oggi, «L’Italia s’è desta, e promette di risorgere dalle cucine: così l’effetto pandemia si trasforma nel nuovo patto degli italiani col cibo. L’Italia del Covid, infatti, sembra aver prosciugato parte dello spreco alimentare: nel 2020 sono finiti nella spazzatura “solo” 27 kg di cibo a testa (529 grammi a settimana), l’11,78% (3,6 kg) in meno all’anno rispetto al 2020. Oltre 222.000 tonnellate di cibo “salvato” in Italia, per un risparmio di 6 € pro capite. Vale 6 miliardi e 403 milioni lo spreco alimentare domestico nazionale e sfiora i 10 miliardi con le perdite in campo e lo spreco nell’industria e distribuzione».

Sperco Zero fa l’esempio del pane: «Ne gettiamo 20 grammi a settimana (1 kg all’anno), mentre la frutta resta in vetta alla hit del cibo più sprecato con 37 grammi settimanali (quasi 2 kg ogni anno, pro capite). Siamo più spreconi a sud (+15%, 600 grammi a settimana) e nei piccoli centri, più virtuose sono le città dei piccoli comuni, più virtuosi i single delle famiglie con figli».

Un un focus sul packaging realizzato in collaborazione con Conai rivela che ci affidiamo agli imballaggi per provare a sprecare meno: «In un anno di uscite contingentate, li abbiamo usati per cercare informazioni sulla scadenza (57,4%) e sulle modalità di conservazione (43%), ma anche sul conferimento in raccolta differenziata (28,6%). E il 70% degli italiani potrebbe pagare di più per un pack che conservi più a lungo un prodotto».

Il 69% degli italiani fa la spesa per lo più una o due volte alla settimana e il 33% dei consumatori è fortemente  consapevolezza dell’importanza di investire qualche euro in più per la qualità, mentre il 60% cerca il miglior rapporto costo/qualità. Solo meno del 5% è alla costante ricerca del ribasso.

Sperco Zero fa però notare che «Per prevenire lo spreco la tecnologia sembra impattare ancora poco, rispetto alle strategie di “buon senso”: il 41% privilegia l’acquisto periodico di prodotti a lunga scadenza e quello frequente di prodotti freschi, il 39% si concentra nell’organizzazione del frigorifero/dispensa, il 37% sceglie di acquistare prodotti in piccolo formato e più di 1 italiano su 3, il 36%, compila sistematicamente una lista della spesa basata sul menu settimanale. L’87% non si formalizza sulla scadenza, e – dietro assaggio – consuma il cibo anche 24 ore dopo il suo teorico deperimento».

Dal rapporto emerge che  «L’Italia è fra i Paesi più sensibili allo sviluppo sostenibile e al tema spreco, dietro Cina e Corea. Peggio la Francia e la Germania, Stati Uniti e Canada, in media, più disattenti».

Secondo l’agroeconomista Andrea Segrè, fondatore della campagna  Spreco Zero e della Giornata nazionale del 5 febbraio, «Dalle loro case e dalle cucine, reduci dai mesi di lockdown e distanziamento, gli italiani lanciano un’OPA sul loro futuro. La tendenza a una netta diminuzione dello spreco alimentare domestico, che a livello nazionale e globale gioca la parte del leone con un’incidenza del 60/70% sullo spreco di filiera, si conferma saldamente in questo primo scorcio del 2021. Colpisce l’attenzione degli italiani al tema: l’85%, quindi una percentuale quasi plebiscitaria, chiede di rendere obbligatorie per legge le donazioni di cibo ritirato dalla vendita da parte di supermercati e aziende ad associazioni che si occupano di persone bisognose, in seguito all’aumento della povertà generato dalla pandemia Covid-19».

Coldiretti fa notare però che «Riducendo di appena il 25% gli sprechi di cibo degli italiani sarebbe possibile imbandire adeguatamente la tavola dei circa 4 milioni di poveri che in Italia con l’emergenza Covid sono costretti a chiedere aiuto per il cibo con pacchi alimentari o pasti gratuiti in mensa o nelle proprie case».

Secondo gli ultimi dati del Fondo di aiuti europei agli indigenti  (Fead) «Tra le categorie più deboli dei nuovi indigenti il 21% è rappresentato da bambini di età inferiore ai 15 anni, quasi il 9% da anziani sopra i 65 anni e il 3% sono i senza fissa dimora» e Coldiretti aggiunge che «Nel 2020, sono 5,2 milioni le tonnellate di alimenti finiti nella spazzatura tra quello che si getta tra le mura domestiche e ciò che riguarda tutta la filiera, per un valore complessivo di circa 9,7 miliardi di euro. Agli sprechi domestici che secondo la Coldiretti rappresentano in valore ben il 54% del totale vanno aggiunti quelli nella ristorazione (21%), nella distribuzione commerciale (15%), nell’agricoltura (8%) e nella trasformazione (2%)».

E Coldiretti conferma che «L’anno del Covid fa registrare tuttavia una positiva svolta nei comportamenti degli italiani che hanno taglia gli sprechi e aumentato la solidarietà nei confronti dei più bisognosi, da parte delle industrie, degli agricoltori, della ristorazione, della distribuzione e di singoli cittadini. Proprio per sostenere la svolta green nel Belpaese».

Coldiretti ha predisposto un decalogo anti spreco:  1) Fai la lista della spesa; 2) Procedi con acquisti ridotti e ripetuti nel tempo; 3) Preferisci le produzioni locali e compra nei mercati a km 0; 4) Acquista seguendo la stagionalità dei prodotti; 5) Prendi la frutta con il giusto grado di maturazione; 6) Separa le diverse varietà di frutta e verdura, 7) Non tenere insieme i cibi che consumi in tempi diversi, 8) Controlla sempre l’etichetta, 9) Chiedi la doggy bag al ristorante per consumare a casa gli avanzi, 10) Cucina con gli avanzi ricette antispreco.

Differenti i dati presentati in occasione dell’ottava giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare dalla Fondazione Barilla: secondo il rapporto “L’Italia e il cibo”, «Ancora oggi, ogni italiano genera circa 65 kg di rifiuti alimentari l’anno». e dall’Index emerge che «Rispetto alla media europea di 58 kg all’anno, gli italiani generano ancora una quantità piuttosto alta di sprechi alimentari». Secondo il Food Sustainability Index, realizzato da Fondazione Barilla in collaborazione con The Economist Intelligence Unit, che utilizza una metodologia in grado di rendere comparabili i dati a livello mondiale, «Fare una lista dei cibi da comprare prima di andare a fare la spesa. Pianificare i pasti e capire quali ingredienti abbiamo e quali dovremmo acquistare. Disporre gli alimenti in ordine di scadenza in modo da utilizzare per primi quelli più “vecchi”. Consumare gli avanzi. Sono alcuni dei consigli “anti-spreco” che buona parte degli italiani ha messo in pratica durante il lockdown, un periodo che, se pure nella sua drammaticità, ha visto anche il diffondersi di buone pratiche nella gestione del cibo a livello domestico».

Però, Fondazione Barilla ritiene che «Le buone pratiche introdotte durante il lockdown abbiano avviato un miglioramento e stima che mantenerle nel tempo possa portare a ridurre significativamente lo spreco nel nostro Paese in modo sistemico». L’Osservatorio Waste Watcher dice che «Questo garantirebbe un beneficio in termini ambientali, ma anche economici, visto che, secondo ricerche recenti, lo spreco nel nostro Paese ha un costo rilevante: vale circa 10 miliardi di euro, ovvero quasi 5 euro a famiglia alla settimana (260 euro l’anno)».

Tra i dati analizzati da “L’Italia e il cibo” emerge anche un’altra nota positiva: «Le perdite alimentari lungo la filiera di produzione, dalla fase post-raccolta fino alla trasformazione industriale, corrispondono al 2% del totale di cibo prodotto.

Marta Antonelli, direttrice della ricerca di Fondazione Barilla ricorda che « Secondo un recente studio (“Estimates of European food waste levels”) il 53% dei rifiuti è attribuibile ai consumi domestici: sprechiamo principalmente verdura, frutta e cereali. I dati disponibili che abbiamo analizzato e messo a sistema, però, parlano di un’Italia che sta facendo passi incoraggianti nella lotta allo spreco. Ci mostrano che quanto fatto finora da tutti sta portando i suoi frutti e ci invogliano a continuare a migliorarci verso una direzione più sostenibile. La consapevolezza della connessione fra spreco alimentare, salute dell’ambiente e dell’uomo, sta crescendo sempre di più tra i nostri connazionali e sta influenzando il modo di approcciarci al cibo. Alcuni dei grandi appuntamenti internazionali del 2021, primo tra tutti il Food Systems Summit delle Nazioni Unite, rappresentano i momenti fondamentali per accendere l’attenzione di tutti verso sistemi alimentari più sostenibili, che includono la lotta allo spreco, fondamentale per raggiungere i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile promossi dall’Agenda 2030».

Confrontando i dati italiani con quelli europei del Food Sustainability Index si scopre che l’Italia, con i suoi 65kg a persona, si sta avvicinando alla media europea. Lo scenario attuale vede, infatti, il Belgio sprecare 87 kg di cibo pro capite e, in contrapposizione, Cipro 36 kg. Per quanto riguarda le perdite lungo la filiera, la Finlandia con meno dell’1% di cibo perso risulta il Paese più virtuoso a fronte di una media europea di circa il 3% e della media dei Paesi ad alto reddito di quasi il 5%6. Secondo lo studio “Estimates of European food waste levels” di FUSIONS per la Commissione europea: «Più in generale, di tutto il cibo prodotto ogni anno in Europa, più del 20% viene sprecato (l’equivalente di 88 milioni di tonnellate l’anno), con un costo sia economico – pari a 143 miliardi di euro (di cui i due terzi, circa 98 miliardi, sono attribuibili allo spreco domestico) – che ambientale, visto che lo spreco rappresenta il 6% delle emissioni totali di gas serra prodotte dall’Unione Europea».

Il peso ambientale degli sprechi alimentari è un tema molto sentito anche dagli italiani: secondo una recente indagine di Altroconsumo, «L’88% degli italiani sostiene che non sia etico buttare il cibo e l’83% riconosce l’impatto negativo sull’ambiente tanto che dichiara di essersi impegnato per ridurre lo spreco di cibo in casa.

Lo spreco alimentare vale 15 miliardi, l’80% è nelle case

Oltre 2.200.000 tonnellate di cibo si sprecano ogni anno nelle case degli italiani, per una stima di 36,54 chilogrammi a testa e un valore di quasi 12 miliardi di euro che sommati ai 3 miliardi 293 milioni di spreco della filiera ci portano ad oltre 15 miliardi di euro in totale. Lo rende noto la “campagna Spreco Zero”, anticipando il Rapporto Waste Watcher 2020 che sarà presentato in occasione della 7/a giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, il 5 febbraio, quest’anno nel segno della prevenzione degli sprechi per la salute dell’ambiente e dell’uomo. La Giornata avrà il patrocinio dei ministeri dell’Ambiente e della Salute.

Lo spreco domestico – secondo l’analisi compiuta per il 2018 da “Diari di Famiglia progetto Reduce” – vale fra il 75 e l’80% della filiera complessiva, che comprende lo spreco nei campi (7,8%), nell’industria (6,5%), nella distribuzione (7,4%) per un totale di 15 miliardi che equivale allo 0,86% del Pil del 2018. Gli italiani sprecano, in media, 65 chilogrammi all’anno a testa di alimenti. Lo afferma la Fondazione Barilla center for food & nutrition in vista della Giornata contro lo spreco alimentare che ricorre il 5 febbraio rilevando che il Food Sustainability Index ci pone, in Europa, al 13/o posto per quantità di cibo che si perde a monte della filiera agro-alimentare e per sprechi durante le fasi di trasformazione, distribuzione e consumo. Il danno economico è di 2.600 miliardi di dollari all’anno.
Frutta e verdura sono i prodotti più gettati, ma per produrli (e non mangiarli) sono serviti 73 milioni di metri cubi di acqua, tanto quanto il fabbisogno di acqua potabile di 18 giorni della Lombardia, 23 giorni del Lazio, 27 della Campania e 153 della Puglia; con quella quantità si potrebbero riempire 80 piscine olimpioniche al giorno, ha calcolato la Fondazione.

“L’impegno per lo sviluppo sostenibile e la prevenzione degli sprechi – spiega il fondatore Spreco Zero-Last Minute Market Andrea Segrè – passa attraverso il monitoraggio dei comportamenti e quindi attraverso i dati. Sei anni fa (2014) 1 italiano su 2 dichiarava di gettare cibo quasi ogni giorno, nel 2019 solo l’1% degli intervistati ha dichiarato di cestinare il cibo quotidianamente. Lo spreco del cibo resta in testa alla nefasta ‘hit’ degli sprechi per il 74% degli italiani. Seguono lo spreco idrico (52%), nella mobilità (25%), di energia elettrica (24%) e in generale legati ai propri soldi (16%)”.

Spreco, sfruttamento e mafia: il j’accuse di Hilal Elver alla filiera agroalimentare italiana

Non confondere la carità con il diritto al cibo”. Questa è la sintesi del viaggio in Italia di Hilal Elver, relatore speciale delle Nazioni Unite sul diritto al cibo. Un tour che ha toccato Puglia Toscana, Lazio, Sicilia, Lombardia e Piemonte. E proprio a Torino nella giornata di sabato 25 gennaio (qui il video dell’incontro) ha incontrato le principali realtà piemontesi che si occupano di diritto e accesso al cibo, visitando il nostro progetto RePoPP (inserito nella rete Food Pride) che al mercato di Porta Palazzo recupera e ridistribuisce gratuitamente a tutti le eccedenze del mercato.

Durante il colloquio con i veri protagonisti di RePoPP, i migranti richiedenti asilo, la stessa Elver lasciava intendere alcuni punti di quello che si è poi trasformato in un vero e proprio j’accuse alla filiera agricola italiana e non solo (a questo link le 19 pagine della relazione del suo viaggio in Italia).

“Durante la mia visita – continua Hilal Elver – ho incontrato molte persone che dipendono da banchi alimentari e da enti di beneficenza per il loro prossimo pasto, migranti senza dimora e senza un alloggio sicuro dove trascorrere la notte, lavoratori agricoli sottoposti a orari di lavoro eccessivi in condizioni difficili e con stipendi bassi, che non permettono loro di far fronte ai bisogni fondamentali, lavoratori migranti privi di documenti e dunque relegati in un limbo senza accesso a lavori regolari o alla possibilità di prendere in affitto un posto dignitoso in cui vivere e studenti le cui famiglie sono troppo povere per pagare i prezzi richiesti dalle mense scolastiche”.

In quanto paese sviluppato, nonché terza economia in Europa, tali livelli di povertà e di insicurezza alimentare in Italia non sono accettabili. Il governo italiano dovrebbe comprendere che la beneficenza in ambito alimentare non va confusa con il diritto all’alimentazione”.

I migranti che lavorano in ambito agricolo costituiscono uno dei gruppi più vulnerabili in Italia. All’interno del settore agricolo italiano ci sono tra i 450.000 e i 500.000 lavoratori migranti, che rappresentano circa la metà della forza lavoro complessiva. Quello agricolo è spesso l’unico settore in cui i lavoratori poco qualificati riescono a trovare un impiego. La più elevata percentuale di lavoratori irregolari in relazione al numero totale dei lavoratori migranti si trova in ambito agricolo.

“Da nord a sud, centinaia di migliaia di lavoratori coltivano la terra o si occupano del bestiame senza le adeguate tutele legali e sociali, con stipendi scarsi e convivendo con la costante minaccia di perdere il lavoro, di un rimpatrio coatto o di subire violenze fisiche e morali”, ha continuato la Relatrice Speciale. “I lavoratori stagionali e non stagionali spesso trovano nel sistema del caporalato l’unica possibilità di vendere la propria manodopera e di essere retribuiti”.

“Attraverso la legge 199/2016 contro lo sfruttamento del lavoro, l’Italia ha esteso la portata della già esistente disposizione contro il caporalato. Ad ogni modo, la legge risulta incapace di sostenere i diritti umani di tutti i lavorati agricoli, nello specifico dei migranti privi di documenti, relegati in una condizione di invisibilità e di paura”.

Lo sfruttamento in ambito lavorativo non costituisce l’unico modo in cui l’illegalità si insinua all’interno del sistema alimentare italiano. Vi sono anche altri aspetti inaccettabili, tra i quali l’abbandono in aree rurali di prodotti contaminati, che vengono altresì inceneriti o riversati nelle acque dei fiumi; mercati all’ingrosso in cui gli agricoltori sono costretti ad accettare prezzi talmente bassi da rischiare di compromettere il proprio sostentamento; acquisti di terreni con proventi da attività illegali; la presenza di fertilizzanti contraffatti e tossici piuttosto diffusi, che vengono importati o assemblati in Italia e spesso utilizzati da lavoratori senza le adeguate competenze e in mancanza di misure di sicurezza sono solo alcune delle diverse pratiche diffuse illegali. “L’aumento della grande distribuzione ha determinato un significativo riassetto del settore alimentare, poiché le principali catene di distribuzione controllano la maggior parte del mercato agroalimentare, imponendo prezzi bassi, che i piccoli agricoltori non riescono a eguagliare”.

Durante la sua visita, la Relatrice Speciale si è spostata in dieci città, in Lazio, Lombardia, Toscana, Piemonte, Puglia e Sicilia, incontrando autorità locali, rappresentanti di organizzazioni della società civile, specialisti accademici, lavoratori migranti, commercianti, produttori alimentari, piccoli agricoltori e lavoratori agricoli.

“Ho inoltre avuto modo di incontrare studiosi, docenti e studenti per discutere dei programmi scolastici di alimentazione e dell’accesso alle mense. Tutti loro hanno espresso il bisogno urgente che venga definito un quadro nazionale per l’alimentazione al fine di combattere le disparità esistenti tra i diversi comuni e garantire a tutti gli studenti l’accesso alle mense scolastiche, a prescindere dalla situazione economica delle loro famiglie”, ha concluso Elver.

Lo spreco alimentare

L’Italia è stata il secondo Paese dell’Unione Europea a approvare una legge nazionale che regola la perdita e lo spreco di oltre 100 kg di cibo per persona all’anno dalla fattoria alla tavola. La Legge Gadda (166/2016) facilita la raccolta e la donazione di eccedenze alimentari semplificando le donazioni a enti senza scopo di lucro, incentivando l’innovazione e imponendo alle amministrazioni locali di fornire incentivi fiscali. Inoltre, promuove il riutilizzo e il riciclaggio e dispone di un fondo dedicato per le attività di ricerca, informazione e sensibilizzazione dei consumatori, degli attori privati e delle istituzioni. Amministrazioni pubbliche, attori del settore alimentare e dati evidenziano che la legge ha aumentato la quantità di cibo disponibile per la ridistribuzione. Tuttavia, sebbene sia una soluzione rapida importante ed efficace alla povertà alimentare, la Legge Gadda deve essere vista come una soluzione temporanea e la “mentalità di ridistribuzione” diffusa nel paese deve essere abbandonata a favore di un diritto all’approccio alimentare alla perdita di cibo e spreco.

Fonte: Eco dalle città

Spreco alimentare, in Francia esteso il divieto ai privati della ristorazione collettiva e dell’industria agroalimentare

Dal primo gennaio 2020 in Francia anche gli operatori privati della ristorazione collettiva e quelli dell’industria agroalimentare sono obbligati a rispettare la legge del 2016 contro lo spreco di cibo. Come fanno già lo Stato, gli enti pubblici e le autorità locali per i loro servizi di ristorazione, anche i privati sono tenuti a gestire gli alimenti invenduti nel rispetto della gerarchia prevista dalla stessa legge. Per combattere lo spreco di cibo i privati dovranno, nell’ordine, mettere in campo azioni per prevenire la produzione degli sprechi, donare gli alimenti ancora buoni che sono rimasti invenduti destinandoli al consumo umano e, in subordine, valorizzandoli per l’alimentazione animale, l’utilizzo in agricoltura e il recupero di energia.

Gli operatori della ristorazione collettiva che preparano più di 3 mila pasti al giorno e quelli dell’industria alimentare che fatturano all’anno più di 50 milioni di euro, hanno l’obbligo di promuovere accordi con le associazioni che donano cibo e altri prodotti invenduti.

Per chi trasgredisce la legge è prevista un’ammenda di 3.750 euro e l’eventuale penalità aggiuntiva della pubblicazione o diffusione a mezzo stampa.

L’estensione degli obblighi introdotti dalla legge francese contro lo spreco di cibo, che ha anticipato solo di qualche mese la legge italiana (166/2016, cosiddetta Legge Gadda), e che si applica anche alla distribuzione alimentare, è stata disposta con l’ordonance n. 1069 del 2019 all’interno della legge del 2018 su agricoltura e alimentazione sostenibile e accessibile a tutti, nota come legge EGAlim. 

Fonte: Eco dalle Città