Articoli

Francia: consultazione pubblica fornisce la roadmap dell’economia circolare

Vuoto a rendere, Doggy Bag, lotta all’obsolescenza programmata. I Francesi chiamati ad esprimersi sull’economia circolare hanno individuato le strade per un’economia realmente circolare

La prima fase della consultazione pubblica sull’economia circolare avviata alla fine di ottobre è appena stata completata. Il Ministero per la transizione ecologica e solidale giovedì 7 dicembre ha annunciato che in sole cinque settimane, sono stati depositati 1784 contributi e ricevuti 16.071 voti. Si delineano così i primi passi concreti che potrebbero essere inclusi nella futura tabella di marcia per l’economia circolare, prevista dal piano governativo sul clima presentato a luglio 2017.

I contributi online evidenziano diverse strade che alimenteranno il lavoro degli esperti riuniti in laboratorio da ottobre. I temi che più di altri hanno attirato l’attenzione dei cittadini sono senza dubbio lo studio di meccanismi per incentivare un miglioramento delle abitudini di consumo dei cittadini e quello di strumenti che possano facilitare il riciclaggio degli oggetti e degli imballaggi immessi a consumo. Una volta sviluppato, il progetto di roadmap sarà soggetto a un’ulteriore consultazione pubblica dal 15 gennaio al 2 febbraio 2018. La pubblicazione del documento finale è annunciata entro il 1 ° marzo.

Il ritorno del vuoto a rendere

In termini di consumo, due tracce concrete riguardano gli imballaggi: il cauzionamento per imballaggi in vetro, plastica o metallo  (vuoto a rendere) e la tassazione di prodotti a vita breve, non riciclabili o sovra-imballati. Brunette Poirson, Segretario di Stato per la transizione ecologica, osserva “c’è stato un plebiscito a favore del ritorno del deposito. Opzione che non necessariamente sarebbe stata presa in considerazione dagli esperti perché a volte considerato troppo restrittivo”. E’ stata anche proposta un’etichettatura dei prodotti che possa dare informazioni sulla durata dell’uso dei prodotti, sui loro principali impatti ambientali e sulla loro origine (tracciabilità).

Sul tema dello spreco alimentare, la proposta che ha ottenuto il maggiore successo è l’incentivazione della “doggy bag”.

Per quanto riguarda la raccolta differenziata e il riciclaggio, torna alla ribalta l’eterna questione della standardizzazione degli imballaggi e del chiarimento delle istruzioni di differenziazione, oltre ad una migliore organizzazione della raccolta differenziata negli spazi pubblici, nelle aziende e nelle amministrazioni. La gestione dei rifiuti organici dovrebbe passare attraverso la fornitura di comunità di contenitori di compostiere individuali o collettive, dicono i francesi che hanno partecipato alla consultazione. Allo stesso modo, vogliono la creazione di reti di riparatori locali per combattere l’obsolescenza pianificata.