Articoli

Comm. Ecomafie, approvata in aula a Montecitorio relazione ‘Emergenza epidemiologica COVID-19 e ciclo dei rifiuti’

La Camera dei Deputati ha approvato oggi la relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Commissione Ecomafie) “Emergenza epidemiologica COVID-19 e ciclo dei rifiuti”

La Camera dei Deputati ha approvato oggi la relazione della Commissione parlamentare d’inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali ad esse correlati (Commissione Ecomafie) “Emergenza epidemiologica COVID-19 e ciclo dei rifiuti”. Il documento (relatori:On. Stefano Vignaroli, Sen. Massimo Berutti, On. Giovanni Vianello) era stato approvato dalla Commissione il giorno 08 luglio 2020 e dall’aula del Senato il giorno 05 agosto 2020.

La Commissione ha preso in esame il ciclo dei rifiuti nel periodo dell’emergenza, approfondendo sia il quadro dei provvedimenti normativi statali e regionali, sia l’operatività della gestione delle diverse tipologie di rifiuti. Attraverso il lavoro di analisi, si è risconterato come lo strumento principale messo in atto sia stato quello delle deroghe ai limiti di deposito temporaneo e di stoccaggio dei rifiuti. Dagli approfondimenti della Commissione è emerso che durante l’emergenza COVID-19 il sistema di gestione dei rifiuti in Italia ha tenuto. La capacità impiantistica si è dimostrata adeguata, anche per il trattamento dei rifiuti sanitari a rischio infettivo (di cui si è registrato un aumento).

La Commissione si è inoltre soffermata sugli effetti dell’emergenza epidemiologica  in termini di produzione dei rifiuti, sia sanitari, sia connessi a misure di contenimento del contagio e uso diffuso di dispositivi di protezione. Dagli approfondimenti della Commissione è emerso che durante la fase di lockdown si è osservata una decisa contrazione nella produzione dei rifiuti speciali di origine industriale e dei rifiuti urbani. Questi ultimi nel bimestre marzo-aprile 2020 sono diminuiti di circa il 10 per cento (meno 500mila tonnellate). Secondo le informazioni acquisite dalla Commissione, il volume stimato di rifiuti connessi all’utilizzo quotidiano di guanti e mascherine monouso per il periodo maggio-dicembre 2020 è pari a 300mila tonnellate (valore medio).

La relazione dà inoltre conto di alcuni elementi strutturali e di tendenza riguardo a possibili fenomeni illeciti nel settore dei rifiuti connessi all’emergenza COVID-19. La relazione si conclude con una serie di raccomandazioni alle istituzioni per una gestione dei rifiuti che tenga in conto le esigenze sia di rispetto degli obiettivi di economia circolare nell’ambito di un ciclo dei rifiuti efficiente e focalizzato sul recupero di materia, sia di efficientamento del sistema dei controlli ambientali e di contrasto all’illegalità.

«L’approvazione in aula a Montecitorio della relazione su emergenza COVID-19 e ciclo dei rifiuti arriva in un momento di nuova forte recrudescenza del virus. Auspico che questo lavoro possa essere di supporto a quanti dovranno occuparsi di gestione dei rifiuti nelle difficili settimane che abbiamo davanti. Auspico anche che le istituzioni, ognuna per la propria competenza, mantengano un occhio attento sul tema della prevenzione di rifiuti inutili, anche in una fase così critica. Da parte sua, la Commissione continuerà il lavoro di monitoraggio: tra le altre cose preoccupano i rischi di scorciatoie illegali e infiltrazioni di interessi illeciti in imprese in difficoltà», dichiara il Presidente della Commissione Ecomafie Stefano Vignaroli.

Fonte: Eco dalle Città

Coronavirus: Commissione Ecomafie apre inchiesta su rifiuti

La Commissione bicamerale d’inchiesta sulle Ecomafie condurrà un approfondimento sulla gestione dei rifiuti durante l’emergenza Covid-19. Lo ha deliberato l’Ufficio di presidenza della Commissione integrato dai rappresentanti dei Gruppi. La Commissione svolgerà un’inchiesta capillare e a tutto tondo sulle diverse problematiche emerse nel settore dei rifiuti connesse all’emergenza Covid-19. In prima battuta, la Commissione convocherà in audizione i Ministri dell’Ambiente e della Salute, e i rappresentanti dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss) e dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra). A queste audizioni, che prenderanno il via nella prima metà di maggio, ne seguiranno altre.

«A seguito dell’emergenza Covid-19, è importante verificare le problematiche che si sono venute a creare nel settore dei rifiuti e capire quali sono i correttivi da mettere in atto», dichiara il Presidente della Commissione, il deputato Stefano Vignaroli (M5S).

Fonte: ANSA