MInambiente: ecco le linee guida per uniformare a livello nazionale il calcolo della differenziata

Un decreto del ministro dell’Ambiente pubblicato nei giorni scorsi in Gazzetta Ufficiale introduce, per la prima volta, linee guida nazionali per un metodo di calcolo unico della raccolta differenziata dei rifiuti urbani e assimilati, cui tutte le Regioni dovranno attenersi nel dotarsi dei propri metodi di calcolo e di certificazione. Il decreto, che attua l’articolo 32 del Collegato Ambientale, permetterà un reale confronto dei risultati tra le diverse aree geografiche del territorio nazionale e tra i Comuni, calibrando i tributi comunali a seconda dei livelli di raccolta raggiunti e certificati dalle Regioni.

Tra le novità, anche la possibilità di conteggiare il compostaggio domestico nella raccolta differenziata e di considerare nel calcolo tutti i rifiuti che sono conferiti nei centri di raccolta comunali: ciò, è specificato nel testo, potrà avvenire solo nei comuni che abbiano con proprio atto disciplinato questa attività, garantendo dunque la tracciabilità e il controllo.

“L’Italia della raccolta differenziata – afferma il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti – viaggia ancora a diverse velocità, anche a causa della confusione generata da strumenti di calcolo differenti da una Regione all’altra, cui segue un’ovvia difficoltà nel rendere omogenea l’applicazione del tributo. Queste linee guida nazionali sono funzionali a portare tutto il nostro Paese verso l’economia circolare, adeguandolo agli standard europei di differenziata e superando la realtà delle discariche in cui purtroppo va ancora gran parte dei rifiuti nazionali”.

Il decreto in Gazzetta

RASSEGNA STAMPA – CHI BUTTA PAGA!

In tre comuni del milanese inizierà a breve una piccola ma significativa rivoluzione nell’ambito della raccolta dei rifiuti. Canegrate, Magnago e San Giorgio su Legnano partiranno con la sperimentazione della tariffa puntuale dal prossimo giugno, superando la vecchia concezione basata esclusivamente sui metri quadri a disposizione delle utenze.
La nuova tariffazione sarà composta da tre voci: la prima sarà una quota fissa basata sulla metratura dell’immobile, la seconda verrà calcolata sul numero di conferimenti prefissati in base al numero di occupanti per quanto riguarda le utenze domestiche, e sui metri quadri occupati per le attività commerciali. La terza voce, invece, consisterà in una quota variabile sulla base del rifiuto indifferenziato effettivamente conferito e, qualora venisse superato il numero di quelli preassegnati, il costo verrà addebitato all’utente. Infine rimarrà invariata l’addizionale provinciale.
Con la tariffazione puntuale i tre comuni e AEMME Linea Ambiente, la società incaricata della raccolta, vogliono adeguarsi alle principali realtà europee e superare l’ormai obsoleto metodo presuntivo (basato sulla metratura) che non dà alcun incentivo alla cittadinanza per ridurre la produzione di rifiuti. Con il nuovo metodo si vuole andare incontro alle esigenze del cittadino, permettendo un pagamento più equo in base all’effettiva produzione di rifiuti, incoraggiando quindi la popolazione a tenere un comportamento più rispettoso nei confronti dell’ambiente.
Dall’inizio del mese di giugno i 29mila abitanti dei tre comuni riceveranno direttamente a casa, attraverso degli incaricati di AEMME Linea Ambiente, dei sacchetti dotati di transponder elettromagnetico che, attraverso un lettore di cui saranno dotati i mezzi di raccolta, saranno in grado di associare istantaneamente l’utente al contenitore. I sacchetti dotati di microchip trasmetteranno quindi in tempo reale il codice utente, la data, l’ora del ritiro, il veicolo e il suo posizionamento (tramite GPS) e l’operatore incaricato della raccolta. Grazie a questi sacchetti “personalizzati” si eviteranno possibili errori dal momento che verranno associati esclusivamente all’utente in questione.

fonte: ricicloni.it

Lampedusa: cresce la RD, si bonifica l’Isola

Gli interventi sono stati tanti: rimozione degli olii esausti, bonifica dei siti di
conferimento e delle carcasse di auto abbandonate. Allo stesso tempo, le percentuali di raccolta differenziata crescono vertiginosamente. E’ stretta la collaborazione tra Amministrazione e cittadini. I risultati sono già visibili: sono sensibilmente diminuiti i fenomeni di abbandono ed è migliorato il decoro urbano dell’isola

Dal mese di marzo di quest’anno l’Amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa ha intrapreso una forte azione per cambiare la spinosa situazione relativa alla gestione dei rifiuti nelle isole.
Grazie al supporto tecnico della ESPER e del Suo Direttore Tecnico, Ing. Salvatore Genova, sono state messe in campo numerose iniziative volte a migliorare il servizio di igiene urbana a beneficio di cittadini e turisti.
E’ attivo il Centro di Raccolta Comunale sito in contrada Taccio Vecchio: tutti i cittadini e le utenze commerciali possono utilizzarlo giornalmente, secondo gli orari di apertura, per conferire tutte quelle tipologie di rifiuti che non possono essere raccolte a domicilio o nei contenitori stradali.

Sono, inoltre, sensibilmente diminuiti i fenomeni di abbandono ed è migliorato il decoro urbano dell’isola.
Il dato medio di raccolta differenziata è aumentato esponenzialmente: o nel 2015 era pari a 11,85% o nei primi mesi del 2016 è pari a 26,26% con un picco ad aprile del 39,90%.
Nell’ambito della riorganizzazione dei servizi, sono state inraprese numerose attività volte ad una migliore gestione dei rifiuti, sia urbani che speciali. L’Amministrazione comunale ha disposto la rimozione degli olii esausti conferiti in modo errato da parte dei fruitori del porto, pescatori e diportisti presso l’area portuale. Inoltre, è stata effettuata la bonifica dei relativi siti.

E’ iniziato da tempo un importante percorso di gestione dei temi ambientali, e in questo contesto è stato ridato il giusto decoro urbano all’area portuale. La Capitaneria di Porto ha strettamente collaborato con l’Amministrazione e si è impegnata a vigilare affinché siano rispettate le corrette modalità di conferimento da parte di tutti i fruitori del porto.
E’ stato, inoltre, disposto il recupero di circa 35 carcasse di automobili e 10 di moto disseminate su tutto il territorio del Comune di Lampedusa.

L’Amministrazione continuerà nell’attività di pulizia del territorio per mantenere il decoro urbano che l’isola merita, ma è determinante la collaborazione di tutti i cittadini affinché diventino sentinella a tutela dell’ambiente.
Questi risultati sono sicuramente incoraggianti, ma per proseguire in questo percorso virtuoso è fondamentale il supporto delle istituzioni e, in particolare, della Regione che dovrebbe fare la sua parte, appaltando il prima possibile le gare per le tanto attese infrastrutture e attrezzature.

RASSEGNA STAMPA – Lampedusa, proseguono le attività di pulizia dell’isola

Dal mese di marzo di quest’anno l’Amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa ha intrapreso una forte azione per cambiare la spinosa situazione relativa alla gestione dei rifiuti nelle isole

Proseguono gli interventi di pulizia sull’isola di Lampedusa: rimozione degli olii esausti, bonifica dei siti di conferimento e delle carcasse di auto abbandonate. Allo stesso tempo, le percentuali di raccolta differenziata crescono vertiginosamente. E’ stretta la collaborazione tra Amministrazione e cittadini. I risultati sono già visibili: sono sensibilmente diminuiti i fenomeni di abbandono ed è migliorato il decoro urbano dell’isola.

Dal mese di marzo di quest’anno l’Amministrazione comunale di Lampedusa e Linosa ha intrapreso una forte azione per cambiare la spinosa situazione relativa alla gestione dei rifiuti nelle isole. Grazie al supporto tecnico della ESPER e del suo direttore tecnico, Salvatore Genova, sono state messe in campo numerose iniziative volte a migliorare il servizio di igiene urbana a beneficio di cittadini e turisti.

E’ attivo il Centro di Raccolta Comunale sito in contrada Taccio Vecchio: tutti i cittadini e le utenze commerciali possono utilizzarlo giornalmente, secondo gli orari di apertura, per conferire tutte quelle tipologie di rifiuti che non possono essere raccolte a domicilio o nei contenitori stradali. Sono, inoltre, sensibilmente diminuiti i fenomeni di abbandono ed è migliorato il decoro urbano dell’isola.

Il dato medio di raccolta differenziata è aumentato esponenzialmente:
nel 2015 era pari a 11,85%;
nei primi mesi del 2016 è pari a 26,26% con un picco ad aprile del 39,90%.

Nell’ambito della riorganizzazione dei servizi, sono state inraprese numerose attività volte ad una migliore gestione dei rifiuti, sia urbani che speciali.

L’Amministrazione comunale ha disposto la rimozione degli olii esausti conferiti in modo errato da parte dei fruitori del porto, pescatori e diportisti presso l’area portuale. Inoltre, è stata effettuata la bonifica dei relativi siti. E’ iniziato da tempo un importante percorso di gestione dei temi ambientali, e in questo contesto è stato ridato il giusto decoro urbano all’area portuale. La Capitaneria di Porto ha strettamente collaborato con l’Amministrazione e si è impegnata a vigilare affinché siano rispettate le corrette modalità di conferimento da parte di tutti i fruitori del porto.

E’ stato, inoltre, disposto il recupero di circa 35 carcasse di automobili e 10 di moto disseminate su tutto il territorio del Comune di Lampedusa. L’Amministrazione continuerà nell’attività di pulizia del territorio per mantenere il decoro urbano che l’isola merita, ma è determinante la collaborazione di tutti i cittadini affinché diventino sentinella a tutela dell’ambiente.

Questi risultati sono sicuramente incoraggianti, ma, come tende a sottolineare anche l’Amministrazione, per proseguire in questo percorso virtuoso è fondamentale il supporto delle istituzioni e, in particolare, della Regione che dovrebbe fare la sua parte, appaltando il prima possibile le gare per le tanto attese infrastrutture e attrezzature.

Fonte: Agrigentonotizie.it

RASSEGNA STAMPA – Focus rifiuti/3. Ecco quanto costerà il nuovo servizio di raccolta a Marsala

Tariffazione puntuale, raccolta porta a porta, bidoni e sacchetti con trasponder, centri di raccolta informatizzati, ecocentri itineranti. Questo in sintesi il piano dei rifiuti che è stato progettato dalla Esper per la città di Marsala e che il consiglio comunale dovrà approvare nelle prossime settimane. Un servizio che dovrebbe essere appaltato nei prossimi mesi, in vista della scadenza del contratto con Aimeri Ambiente. Sempre se non ci saranno novità dalla Regione, con l’accentramento delle gare d’appalto a Palermo e l’azzeramento dei poteri dei Comuni che, come Marsala, si sono costituiti in Aro. Nel frattempo Marsala va avanti con il progetto della Esper. Si tratta di un piano che prevede il raggiungimento del 65% di raccolta differenziata il primo anni, e il 70% negli anni successivi.
In questo viaggio all’interno del piano d’intervento abbiamo visto quali sono le criticità dell’attuale sistema di raccolta, quali sono le soluzioni che consiglia di adottare la Esper.
Adesso vediamo però quali saranno i costi di questi servizi, che saranno tutti a carico dei cittadini attraverso il pagamento della TARI, la tanto odiata Tassa sui rifiuti.

I COSTI

Nel 2015 a Marsala la raccolta dei rifiuti, differenziati e indifferenziati, il loro trattamento e lo spazzamento della città, è costato 14.764.340 euro, una media di 168 euro ad abitante.

Nelle previsioni del Piano della Esper nella fase intermedia del nuovo corso, quindi il primo anno, il risparmio sarà del 9,94%. Quando il servizio entrerà a regime, invece, si prevede un risparmio del 15,7%. Nel primo anno si prevedono due passaggi di raccolta dell’indifferenziata, mentre quando il servizio entrerà a regime ci sarà un solo passaggio settimanale.
Queste riduzioni sono calcolate dalla Esper considerando anche il completo rinnovo del parco mezzi e dei contenitori. “Si è inoltre tenuto conto quindi di un costo di comunicazione pari a 3 euro IVA esclusa per abitante nel primo anno e di 1,5 euro a partire dal secondo anno per il mantenimento delle attività (distribuzione del calendario, sacchetti dell’umido ecc.)”.
In sostanza il costo totale nella fase intermedia dovrebbe essere, secondo le stime di 13.296.594,85 euro. Somma a cui si arriva considerando anche i costi, o i ricavi, sul trattamento delle varie frazioni. Ad esempio sono previsti ricavi per 656 mila euro l’anno per la plastica, nel primo anno, di 83 mila euro per le lattine, di 281 mila euro per carta e cartone, di 53 mila euro per il vetro, il che riduce il costo complessivo per le frazioni. Ma se per alcune frazioni, al costo della raccolta, si sottrae quello per il trattamento, ed entra in gioco la “vendita” dei materiali riciclabili, la stessa cosa non succede per le altre frazioni di rifiuti. Ad esempio per il Secco residuo ai circa 2,5 milioni di euro l’anno per la raccolta si aggiunge un costo di 897 mila euro. Per l’umido non è previsto nessun ricavo, anzi. Il costo per il trattamento è di 930 mila euro per il primo anno, e si aggiunge ai 2,3 milioni per la sua raccolta. Sono tutte stime valide per il primo anno del servizio.
Ecco nel dettaglio.

Una volta entrato a regime il costo annuo dovrebbe essere di 12.448.994,53 euro. In sostanza si dovrebbero risparmiare, sempre secondo le stime, circa due milioni di euro l’anno.
Ecco i costi del servizio a regime.

La raccolta dei rifiuti in fase intermedia costerà, quindi circa 13 milioni di euro, compresi i costi per il trattamento. La maggior parte della spesa sarà per la mano d’opera, circa 7 milioni di euro.

Una volta entrati a regime, prevede la Esper, i costi si ridurranno. Ecco il dettaglio.

GLI INVESTIMENTI
Il piano degli investimenti per il nuovo servizio prevede per la ditta che vincerà la gara l’acquisto di materiali, come sacchetti, bidoni, e mezzi. Le stime fatte dalla Esper prevedono un investimento annuale di 597 mila euro non ammortizabili per sachetti per la raccolta di secco residuo, umido, plastica. Circa 1 milione 394 mila euro serviranno per comprare bidoni, mastelli, container, e altro materiale ammortizzabile. Gli investimenti complessivi, ammortizzabili, per i mezzi per la raccolta, trasporto e i servizi accessori sono di oltre 5 milioni di euro. Per la raccolta si prevede un costo totale di 3 milioni 424 mila euro, per 5 autocompattatori, 4 minicompressori, 16 autocarri con vasca da 7 mc, 11 autocarri con vasca da 5 mc, 4 porter con vasca da 2 mc, 7 automezzi per movimentazione dei container, un furgonato tipo ecomobile, 2 ecocentri mobili.
Per lo spazzamento e i servizi accessori si prevede un costo complessivo di un milione 751 mila euro. Si parla di 8 motocarri a 3 ruote, 3 spazzatrici compatte da 4 mc, e tre spazzatrici medie da 6 mc, 2 autospurgo, 3 mezzi lavastrade con cisterna da 8 mc, un pulisci spiaggia grande, 2 autocarri da 7 mc, un mezzo con vasca da 25 mc e gru, 100 decespugliatori o soffiatori.

Questo, in sintesi, quello che prevede il piano. Saranno i consiglieri a decidere cosa farne, come trattarlo, come modificarlo. Martedì intanto ci sarà una seduta di consiglio comunale aperta proprio per parlare del nuovo piano dei rifiuti.

Fonte:TP24.it

RASSEGNA STAMPA – Focus rifiuti/2. Ecco come potrebbe essere la nuova raccolta a Marsala

Le prossime settimane saranno decisive sul tema rifiuti a Marsala. Il consiglio comunale dovrà approvare il piano di intervento preparato dalla Esper per conto del Comune sul nuovo sistema di raccolta rifiuti in città. Al momento il servizio di raccolta è gestito da Aimeri Ambiente, il cui contratto scade a ottobre. Allora si sta cercando di mettere mano al sistema rifiuti per non commettere gli stessi errori del passato. Questa volta però gestisce tutto il Comune di Marsala, che ha costituito l’Aro, l’Ambito di Raccolta Ottimale, che permette ai singoli Comuni di decidere sul proprio futuro in tema rifiuti. In passato invece, il servizio di raccolta rifiuti è stato determinato altrove, con l’Ato Terra dei Fenici, che predisponeva le gare d’appalto, decideva che tipo di servizi offrire. E le cose non sono andate tanto bene, ne sono dimostrazione le inchieste giudiziarie che hanno coinvolto la provincia di Trapani sulla gestione dei rifiuti, e la qualità del servizio.
Nella seconda parte cerchiamo di fare sintesi sui punti principali di quello che dovrebbe essere il nuovo sistema di raccolta rifiuti a Marsala.

COME RIDURRE I RIFIUTI
Il cavallo di battaglia di questo piano è quello della riduzione dei rifiuti indifferenziati, e puntare all’obiettivo di raggiungere il 65% di raccolta differenziata, che è il limite minimo per non incorrere in sanzioni. Al momento la città di Marsala raggiunge il 38% di differenziata.
Per ridurre i rifiuti si vuole puntare al binomio raccolta porta a porta e tariffazione puntuale. Il passaggio alla tariffazione puntuale del rifiuto indifferenziato – secondo le stime della Esper – determina normalmente una consistente diminuzione del quantitativo complessivo di rifiuti urbani prodotti (-10/20%)”. Per Esper e Comune di Marsala la riorganizzazione della raccolta porta a porta e la tariffazione puntuale “implicherà ricadute positive”. L’intenzione è quella di partire subito con la tariffazione puntuale (poi ci arriviamo) per incidere subito sui comportamenti della cittadinanza. La tariffazione puntuale, in sostanza, consentirà agli utenti che produrranno meno rifiuti indifferenziati di avere delle premialità, questo secondo il piano. E allora si procederà con “attivazione di specifiche azioni di prevenzione della formazione dei rifiuti. Applicazioni di sistemi tariffari che consentano di applicare il principio “chi inquina paga”. Adozione di sistemi organizzativi che consentano di meglio controllare i flussi, con particolare riferimento ai rifiuti provenienti dalle utenze non domestiche”.

GLI OBIETTIVI
Attraverso il nuovo sistema di raccolta rifiuti e la tariffazione puntuale il Comune di Marsala vuole raggiungere nel primo anno la percentuale del 65% di raccolta differenziata. Una volta entrato a regime il nuovo servizio si prevede di arrivare, dal secondo anno, al 70% di differenziata. Se non si raggiungeranno questi obbiettivi ci saranno delle “sanzioni” anche per l’azienda che si occuperà del servizio. In sede di gara, infatti, la Esper, propone di stabilire che, in caso di mancato raggiungimento degli obiettivi minimi nel primo anno (obiettivo 65 %) o a partire dal secondo anno (70 % di RD), “gli eventuali maggiori oneri di smaltimento vengono accollati al gestore unico nella misura del 50 % nel caso in cui la percentuale di RD media nel primo anno di esecuzione del nuovo servizio dovesse essere inferiore al 60 % e dal secondo anno fosse inferiore al 70 % su media annuale”. Il tutto secondo quello che viene chiamato “principio della responsabilità condivisa”. Non ci sono però solo “penalità”, a carico del gestore. Sono previste anche delle premialità in caso di superamento degli obiettivi minimi previsti. Sono poi previste premialità anche per gli operatori.

GESTIONE NEI COMUNI A VOCAZIONE TURISTICA
Uno dei problemi di Marsala, sul tema rifiuti, è garantire un servizio efficiente durante la stagione estiva. Il tutto per la Esper parte dalla comunicazione, cioè informare i turisti delle modalita con cui viene raccolta la spazzatura in città, tenendo conto che Marsala ha un turismo prevalentemente “mordi e fuggi”. Bisogna coinvolgere anche gestori di strutture ricettive, ristoratori e commercianti. Gli obiettivi sono quelli di garantire maggior flessibilità possibile del sistema di raccolta. Tenere conto delle esigenze degli utenti non residenti che hanno la seconda casa in campagna.

PROPOSTE PER OTTIMIZZARE RACCOLTA RIFIUTI
L’obiettivo è quindi di diminuire la produzione di rifiuti e aumentare la percentuale di raccolta differenziata. La Esper ha pensato che il modo migliore per farlo è quello attraverso una raccolta porta a porta in maniera più precisa di quella che si vede oggi e la tariffazione puntuale. Il servizio di raccolta porta a porta prevede la consegna e l’utilizzo di contenitori personalizzati (sacchetti, mastelli, bidoni, e cassonetti) per tutte le utenze domestiche e non domestiche. I contenitori saranno esposti in luogo pubblico dagli utenti solo nelle ore antecedenti alla raccolta e ritirati per lo svuotamento dagli operatori secondo un calendario prefissato.
Ecco, in questa tabella, la frequenza della raccolta delle varie frazioni di rifiuto per il primo anno.

E poi come ottimizzare i rifiuti.
Umido: Fornire un cestello areato. Con sacchetti di plastica biodegradabile o carta. Per le utenze non domestiche eliminare i vecchi grandi bidoni con le ruote. Inoltre si intende incentivare il compostaggio domestico.
Carta. Abbandonare il vecchio sistema misto della raccolta porta a porta e per strada. Concentrarsi sul porta a porta, e permettere solo una ridotta parte di materiali estranei nel bidone.
Plastica. Dovrà essere conferita sfusa negli appositi sacchetti semitrasparenti che fornirà il comune.
Lattine. Non si raccoglierà più, secondo il piano, vetro e lattine insieme, ma solo le lattine o comunque rifiuti in alluminio. I rifiuti verranno esposti in apposite borse in polipropilene con trasponder per tracciare l’utenza.
Vetro. Verrà raccolto da solo e gli utenti lo metteranno in appositi mastelli da 40 litri o bidoni da 120-240 litri.
Secco residuo. E’ la frazione che si vuole diminuire considerevolmente. Lo si vuole fare conferendo in un contenitore dedicato associato ad ogni singola utenza. Questa modalità di raccolta richieda soluzioni tecnologiche “per la rilevazione puntuale dei conferimenti”. In sostanza i mastelli o i bidoni non devono essere posizionati sul fronte della strada ma all’interno delle aree di proprietà delle utene, davanti l’ingresso dell’abitazione o del condominio, soltanto nelle ore che precedono la raccolta. Se non sarà possibile posizionare i bidoni in aree private si possono posizionare contenitori carrellati con chiavistello per evitare conferimenti non autorizzati. Tutti i contenitori avranno un trasponder.

I CENTRI COMUNALI DI RACCOLTA E GLI ECOCENTRI MOBILI
L’intenzione è quella di potenziare i Centri comunali di Raccolta con la loro informatizzazione, e la possibilità di conferire i rifiuti. Poi ci saranno due centri di raccolta “semplificati”, uno nella zona del porto e uno nella zona balneare. Sono previsti anche degli ecocentri mobili, itineranti, che opereranno nel periodo estivo. Non servirà solo per conferire i rifiuti ma anche per avere informazioni e sacchetti della spazzatura, tra le altre cose. All’ecocentro mobile si possono portare piccoli elettrodomestici, pentolame, neon e lampade a basso consumo, abiti usati, oli, batterie e pile usati.

LA TARIFFAZIONE PUNTUALE
La tariffazione puntuale è il punto centrale del nuovo servizio di raccolta rifiuti. La tariffa puntuale è composta da una parte fissa (che comprende per esempio i costi del personale, dello spazzamento, della raccolta) e da una parte variabile che dipende dall’effettiva produzione di rifiuti di ogni singola utenza e nella sostanza, dalla capacità del cittadino di differenziare. Il tutto per eliminare l’iniquità della tassa sui rifiuti che calcolava la tassa in base alla superficie dell’abitazione.
In sostanza si devono tracciare i conferimenti e serve la tecnologia. “La tracciatura dei conferimenti – si legge nel piano – avviene utilizzando un Trasponder RFId sul contenitore del secco residuo o sul sacchetto monoutenza utilizzato per l’esposizione e di un dispositivo capace di rilevare, elaborare e processare i dati per poi trasferirli ad un sistema gestionale”. Sacchetti e bidoni avranno quindi un trasponder, che segnalerà quanti rifiuti sono stati prodotti, quanti riciclabili e quanti no, per determinare la tariffa.

PERSONALE
Le intenzioni sono chiare. Attualmente il Comune di Marsala impiega 153 addetti per l’espletamento del servizio di raccolta e spazzamento, personale che rimane lo stesso anche d’estate, quando la situazione si fa più critica. Il Piano di intervento individua un fabbisogno nella fase intermedia di circa 147 operatori full time come media annuale con un fabbisogno del servizio base di circa 140 operatori a tempo indeterminato full time ed un ulteriore fabbisogno estivo (per tre mesi) di circa altri 26 operatori a tempo determinato. Una volta entrato a regime il servizio avrà bisogno di circa 139 operatori full time come media annuale con un fabbisogno del servizio base di circa 133 operatori a tempo indeterminato full time ed un ulteriore fabbisogno estivo (per tre mesi) di circa altri 23 operatori a tempo determinato.

CAMPAGNE PROMOZIONALI
Punta molto il Piano di Intervento anche sulla comunicazione. Una campagna di comunicazione che deve essere capillare e non di secondo piano. Si punta molto sulla “formazione e motivazione” dell’utente. Tutte le famiglie e le aziende dovranno ricevere del materiale informativo. Come le buste illustrate, la lettera formale dell’amministrazione all’utenza, il pieghevole che illustra in modo semplice il funzionamento del sistema, il calendario e il “riciclabolario” un vocabolario con indicati tutti i rifiuti domestici e l’indicazione del contenitore giusto. Le comunciazioni devono essere visibili, come i cartelloni pubblicitari in formato gigante, ma si vuole puntare anche ai banchetti informativi e a serate pubbliche per informare. Ci sarà anche un numero verde.

Questi sono i punti principali del Piano di Intervento sul nuovo sistema di raccolta rifiuti a Marsala. Bisogna capire però quanto costeranno i nuovi dispositivi, e che tipo di costi complessivi ci saranno. Lo vedremo domani.

Fonte: TP24.it

RASSEGNA STAMPA – Focus rifiuti/1 – Come sarà la nuova raccolta a Marsala. Ecco i problemi da risolvere

E’ un dossier da oltre 300 pagine quello che stanno esaminando in consiglio comunale. E’ il nuovo piano sulla raccolta dei rifiuti a Marsala. Un piano d’interventi, così viene chiamato, preparato dalla Esper, l’agenzia esterna incaricata dall’Amministrazione guidata dal sindaco Alberto Di Girolamo per studiare il nuovo servizio della raccolta rifiuti in città. Quello che il consiglio comunale dovrà approvare nei prossimi giorni genererà una gara d’appalto da circa 100 milioni di euro, che determinerà le sorti della città sul tema rifiuti per i prossimi anni.
Al momento il servizio di raccolta è gestito da Aimeri Ambiente, il cui contratto scade a ottobre. Allora si sta cercando di mettere mano al sistema rifiuti per non commettere gli stessi errori del passato. Questa volta però gestisce tutto il Comune di Marsala, che ha costituito l’Aro, l’Ambito di Raccolta Ottimale, che permette ai singoli Comuni di decidere sul proprio futuro in tema rifiuti. In passato invece, il servizio di raccolta rifiuti è stato determinato altrove, con l’Ato Terra dei Fenici, che predisponeva le gare d’appalto, decideva che tipo di servizi offrire. E le cose non sono andate tanto bene, ne sono dimostrazione le inchieste giudiziarie che hanno coinvolto la provincia di Trapani sulla gestione dei rifiuti, e la qualità del servizio. Ora la Esper ha messo mano al sistema rifiuti a Marsala, partendo proprio dalla situazione attuale e definendo quali sono le criticità. Il piano si divide in tre parti, sostanzialmente: situazione e criticità attuali, proposte, costi. Oggi partiamo dallo stato dell’arte, e dalle criticità dell’attuale servizio.

I DATI
Prima però i dati. A Marsala si fa la raccolta differenziata, con il sistema del porta porta e alcune isole ecologiche.
La percentuale di raccolta differenziata del 2015 è stata pari al 38,83%. Un dato che secondo la Esper “testimonia le evidenti criticità strutturali dell’attuale modello di gestione ed uno scarso livello di intercettazione delle frazioni differenziate”. La percentuale di differenziata  infatti, è ben lontana dal raggiungimento degli obiettivi minimi previsti dalla normativa regionale, nazionale ed europea. La produzione totale pro capite di rifiuti, è pari a 430,98 kg/ab.anno, inferiore rispetto alla media della produzione pro capite della Regione Sicilia che si attesta sui 517 kg/ab.anno. Il Comune di Marsala, fino a prima della costituzione dell’Aro era nell’Ato Tp1 poi Srr a cui partecipa con una percentuale azionaria del 26,32%. Il servizio di raccolta effettuato dalla ditta Aimeri Ambiente srl è porta a porta su tutto il territorio. Chiamarlo “porta a porta” in realtà è fuorviante, perchè, come evidenzia il dossier, in molti casi “si effettua una raccolta di prossimità con l’utilizzo di contenitori e cassonetti posizionati in aree di pertinenza condominiale in cui conferiscono più utenze”. Il territorio è suddiviso in 6 aree di raccolta: due per l’area del Centro Storico, due per l’area Marsala Nord e due per l’area Marsala Sud.

PERCENTUALI BASSE, LIMITI STRUTTURALI
“La situazione analizzata – si legge nel dossier – mette in evidenza un limite strutturale dell’attuale gestione che entra in crisi con l’intensificarsi dei flussi turistici stagionali”. Durante il mese di agosto, in particolare,  una parte significativa delle raccolte differenziate finisce nel rifiuto indifferenziato e quindi conferite in discarica, quindi maggiori costi di smaltimento.

Nello studio sono stati analizzati i dati delle raccolte mensili per gli anni 2013-2015. Qui sono state evidenziate alcune criticità sull’attuale modello di raccolta differenziata che “ha raggiunto il suo limite strutturale”.
Nello studio viene evidenziata una bassa percentuale di raccolta differenziata, ben al di sotto degli obiettivi di legge. L’efficienza del servizio è poi al di sotto degli standard minimi ed entra in crisi durante la stagione turistica. Nello studio viene detto anche che l’intercettazione delle frazioni differenziate è bassa e potenzialmente incrementabile.
“Non vi è traccia, nella documentazione trasmessa, della destinazione finale delle terre provenienti dallo spazzamento stradale. Non c’è alcuna comunicazione del gestore al comune circa il numero di accessi ai Centri comunali di raccolta né delle quantità e tipologie di rifiuti conferiti negli stessi da utenze domestiche e non domestiche; Le frazioni differenziate hanno una elevata presenza di rifiuti non conformi”.

STRUTTURE, CENTRI DI RACCOLTA, ISOLE ECOLOGICHE

Sono due i centri comunali di raccolta a Marsala, Ponte Fiumarella e Cutusio.
L’Aimeri utilizza il Centro di Trasferenza di Ponte Fimarella, come stazione di travaso e trasferimento verso la discarica del rifiuto indifferenziato. Il Centro di Trasferenza è di proprietà del Comune di Marsala e affidato in concessione all’attuale gestore del servizio.
Poi c’è il Ccr di Cutusio. L’Aimeri ha a disposizione un “cantiere” con officina. Si tratta di un deposito per il ricovero dei mezzi, con officina per manutenzione degli stessi. E si trova in contrada Cutusio. Il cantiere fungerebbe anche da centro comunale di raccolta, ma “l’evidente promiscuità delle attività del centro suggerirebbe una migliore organizzazione delle stesse in termini di spazi, orari e modalità gestionali”.
Anche su questo aspetto la relazione specifica che non c’è “un sistema efficace di tracciatura dei conferimenti presso i CCR né una puntuale rendicontazione degli stessi al Comune di Marsala”. L’Aimeri infatti registra su moduli cartacei gli accessi, ma i dati non vengono successivamente gestiti, organizzati e rendicontati al Comune.
Poi c’è l’isola ecologica di Amabilina, che però “non risponde agli standard gestionali minimi previsti”. Un modo elegante per dire che è una discarica.
In sostanza la situazione attuale dei centri di raccolta è pessima. La Esper nel suo rapporto indica che i Ccr dovrebbero essere dotati di un sistema elettronico per il controllo degli accessi e l’identificazione automatica degli utenti. Che ci vorrebbe un terminale per ogni operatore per gestire gli accessi all’impianto, i conferimento in ingresso di utenze domestiche e non domestiche, e rilasciare ricevute e registrare i conferiMenti. E poi un sistema che sia in grado di gestire gli smaltimenti e i conferimenti in uscita, ed effettuare, ad esempio, un bilancio di massa dei materiali. Si parla anche di tessere identificative per ogni utente. Insomma i centri di raccolta non sono per niente informatizzati, e questo non consente di controllare gli accessi e non consente di “introdurre incentivi diretti a premiare gli utenti particolarmente attivi nei conferimenti”.
L’Aimeri Ambiente, poi, dichiara di impegnare complessivamente 76 mezzi per la raccolta rifiuti, lo spazzamento, e il conferimento agli impianti. Sono mezzi di diverse tipologie, piccoli e grandi. I lavoratori sono invece 165.
E’ stato esaminato anche l’aspetto del compostaggio domestico. Il Comune di Marsala non conosce il numero di famiglie che praticano il compostaggio domestico. La stima effettuata dagli uffici comunali tende a quantificare la percentuale di adesione in circa il 10% delle utenze domestiche.

LE CRITICITA’
Comunicazione. Per la Esper che ha predisposto il piano d’intervento uno dei punti centrali per ottenere un buon servizio è innanzitutto che i cittadini sappiano come conferire i rifiuti. Cioè che siano informati. Però “attualmente non c’è un progetto di comunicazione efficace sulla corretta gestione dei rifiuti. L’unico strumento di comunicazione reperito durante le visite sul territorio e le ricerche sul web, è il calendario delle raccolte per le Utenze Domestiche e Non domestiche e scarne indicazioni su come effettuare la raccolta differenziata”. Eppure negli scorsi anni l’Ato Tp1 ha speso una barca di soldi per pubblicità e campagne di comunicazione. Una comunicazione non proprio mirata e funzionale da quello che emerge dal Piano. “La quasi totalità dei cittadini intervistati dimostrano di avere un’idea approssimativa delle regole dell’attuale svolgimento del servizio di raccolta e delle corrette modalità di conferimento delle diverse frazioni di rifiuto. La maggior parte dei cittadini intervistati, al contrario, si dichiara disponibile ad approcciare un modello di raccolta differenziata maggiormente responsabilizzante e premiante anche sul piano dell’equità contributiva”.

Esposizione e frequenze di raccolta. Un’altra criticità riguarda le modalità di gestione delle fasi di separazione e conferimento dei materiali. Per la Esper i contenitori, per una corretta raccolta, devono essere custoditi all’interno delle abitazioni o in aree di pertinenza, ed esposti al limite della proprietà su suolo pubblico, solamente quando pieni e solo nella giornata di raccolta secondo un calendario prestabilito. “Le verifiche effettuate sul territorio mettono in evidenza un’ elevatissima percentuale di esposizione, anche di modeste quantità delle diverse frazioni di rifiuto. Le frequenze di esposizione, e di conseguenza il numero di prese degli operatori, è molto elevato in relazione alle quantità complessive effettivamente raccolte. Tale evidenza è ancora più significativa per la raccolta del Secco Residuo dove il tasso di esposizione si può stimare ad oltre il 80% delle utenze per ogni giro di raccolta. Le risicate pertinenze interne ed esterne degli esercizi commerciali nella zona del Centro Storico richiedono in ogni caso, soprattutto durante la stagione turistica, elevate frequenze di raccolta.

Scarsa intercettazione delle frazioni differenziate. Il problema è quello. Si differenzia poco e c’è un’alta percentuale di indifferenziato. I dati dicono che c’è una “insufficiente percentuale media di raccolta differenziata dell’attuale servizio di raccolta. I risultati attuali non sono coerenti con gli obiettivi di settore comunitari, nazionali e regionali”. Il Piano indica però che è possibile abbattere la produzione pro capite di rifiuti indifferenziati “con una riorganizzazione dei servizi di raccolta ed una adeguata campagna di comunicazione”. La frazione organica poi decresce vistosamente nel mese di agosto con l’intensificazione del servizio estivo.
Abbandoni. Vera piaga per la città in tema di rifiuti è il sacchetto selvaggio, quando finisce bene. Perchè non sono poche le piccole discariche a cielo aperto in cui si trovano non solo sacchetti di spazzatura ma rifiuti di ogni genere, da eternit a mobili usati, a televisori e altri elettrodomestici. Mantenendoci sulla piccola inciviltà gli abbandoni dei sacchetti avviene soprattutto nei quartieri residenziali ad elevata densità abitativa, in aree immediatamente limitrofe al concentrico urbano e nei pressi delle Isole Ecologiche.
Crisi strutturale dell’attuale sistema di raccolta in presenza di contenuti flussi turistici stagionali. Un limite strutturale dell’attuale gestione è che entra in crisi con l’intensificarsi dei flussi turistici stagionali. Durante il mese di agosto una parte significativa delle raccolte differenziate finisce nel rifiuto indifferenziato e quindi conferite in discarica. Il tutto fa crollare i dati della differenziata, e aumentare i costi.
Qualità dei materiali raccolti. C’è poi la qualità del rifiuto. Dipende dalla purezza dei materiali e dalla bassa presenza dei materiali non conformi a quelli che si devono raccogliere. Ad esempio quando si butta il bicchiere di plastica con un tovagliolo all’interno, per essere proprio spiccioli. Per la Esper “le raccolte domiciliari porta a porta garantiscono intrinsecamente una migliore qualità delle frazioni di rifiuto conferite rispetto alle raccolte stradali o di prossimità”. Però non basta. Occorre un “efficiente modello gestionale”. “La corretta separazione dei materiali in casa dipende dalla qualità delle informazioni date, dall’assegnazione, di contenitori e attrezzature correttamente dimensionati oltre che da precise modalità di conferimento, prelievo e gestione dei materiali raccolti”.

Questa in sostanza è la situazione adesso. Come funziona il sistema dei rifiuti a Marsala e quali sono le sue criticità, secondo gli esperti che hanno predisposto il nuovo piano rifiuti. Come si vogliono sistemare le cose? Lo vedremo domani.

 

Ezio Orzes: “Ecco come stiamo progettando la nuova raccolta rifiuti a Marsala”

Marsala si prepara al nuovo servizio di raccolta rifiuti. In autunno scade il contratto con Aimeri e si dovrà predisporre una nuova gara d’appalto per la raccolta. Il Comune si è costituito in Aro, che vuol dire più autonomia nelle decisioni legate alla raccolta, e l’obiettivo è quello di ridurre i costi. Ezio Orzes, progettista della Esper, la società specializzata nella progettazione dei servizi legati ai rifiuti, che sta predisponendo il nuovo piano dei rifiuti per il Comune di Marsala. Una delle vostre caratteristiche è che non lavorate con i privati, ma solo con i comuni.
La nostra è una società specializzata nella progettazione dei servizi di questo tipo. Ha una lunga esperienza maturata in 10 anni di attività. Una caratteristica della nostra società è che noi non lavoriamo per i gestori dei servizi, lavoriamo solo per i comuni. Abbiamo fatto una scelta di campo molto chiara. Sembra poca cosa, ma in realtà è fondamentale. Noi lavoriamo per comuni ma anche per consorzi di comuni, quindi gestendo grosse gare d’appalto.

Il comune o il consorzio vi chiama e vi chiede “aiuto” per fare una gara a puntino.
Esatto. Facciamo la progettazione.

E se vi chiama il privato e vi chiede aiuto per partecipare ad una gara?
Noi diciamo no.

Perché vi siete importi un codice etico. E i singoli esperti della società lavorano con i privati?
Assolutamente no. Non ci sono collaboratori della Esper che hanno incarichi di consulenza per ditte private. Questa è una cosa fondamentale. Se una volta lavori per i comuni e una volta lavori per chi partecipa alle gare, e continui a fare questo in giro per l’Italia, non sai da che parte del tavolo stai seduto.

Quindi vi odiano quelli che partecipano alle gare?
Non credo. Noi progettiamo servizi e regole che tendono a tutelare al massimo i comuni che rappresentiamo. Da quello che succede in giro invece notiamo che qualche volta le gare d’appalto non gestite bene cedono il coltello dalla parte del manico ai gestori.

Da quanto tempo sta seguendo la situazione dei rifiuti a Marsala?
Dal mese di gennaio.

Quattro mesi in cui siete stati in città, avete fatto osservazione sul campo, avete richiesto dati, li avete analizzati, e siete arrivati a quale conclusione sulla raccolta dei rifiuti a Marsala?
Oggi abbiamo a Marsala un servizio che costa molto e che produce risultati scarsi. Siamo al 38% di raccolta differenziata, che è di molto al di sotto dell’obbiettivo minimo del 65%.

Quali sono i nodi critici?
Questo affidamento è stato fatto con una modalità diversa rispetto a quella che proponiamo. Il comune ha definito degli obbiettivi di massima e poi ha lasciato ai proponenti presentare un loro progetto.

Che poi non era stato propriamente il comune di Marsala ma l’Ato Tp1 e magari non rispettando le diverse esigenze.
Naturalmente se sono i proponenti a presentare le proposte lo fanno cercando di tutelare al massimo i loro interessi. Noi stiamo proponendo di definire nel dettaglio la prossima gara.

In questi giorni avete fatto degli incontri con la città. Perché questa intenzione?
E’ una scelta dell’amministrazione comunale quella di portare avanti un percorso di condivisione. Serve anche a noi per affinare anche il progetto.

E’ la prima volta che lavora in Sicilia?
No. Amo la Sicilia, quando è possibile vengo. Abbiamo ad esempio redatto il piano d’intervento per il comune di Ragusa che è stato approvato all’unanimità in consiglio comunale. Si è partiti con una opposizione anche abbastanza articolata.

E lei spera nello stesso risultato a Marsala.
Sarebbe un segnale di grande maturità. E’ un progetto che se portato avanti può davvero vincere tutta la città.

In questi giorni ci sono stati incontri nelle commissioni in consiglio comunale. Che tipo di osservazioni le hanno fatto i consiglieri?
Una preoccupazione per i costi. Ma il nostro progetto permetterà una riduzione dei costi rispetto all’attuale servizio intorno all’8, 10%. Poi tante domande sul metodo che noi proponiamo.

E che metodo è?
Tende a responsabilizzare progressivamente anche i cittadini oltre che avere un controllo sul gestore. Il modello che proponiamo tende ad identificare ogni singola utenza che avrà a disposizione un chip che consente di calcolare i automatico il conferimento del rifiuto.

Oggi la raccolta rifiuti è divisa per giorni, e cambia anche da zona a zona, a Marsala. Come cambierebbe invece la raccolta secondo il vostro schema?
Oggi la raccolta è abbastanza difforme nel territorio. In alcune aree c’è una raccolta porta a porta, in altre aree una raccolta di prossimità, con più condomini che conferiscono negli stessi contenitori. E questo non giova alla qualità del rifiuto. Noi proponiamo la fornitura di un kit di contenitore per ogni utenza. Ci saranno dei contenitori piccoli e impilabili.

Voi avete lavorato anche a Napoli, ma lì la situazione non è delle migliori.
In realtà abbiamo lavorato in un quartiere di Napoli, Colli Aminei. Non tutta Napoli. E’ stata fatta una progettazione sperimentale in quartiere molto critico che però ha superato il 70% di differenziata.

Quindi quanti raccoglitori ci saranno a Marsala?
Un raccoglitore per l’indifferenziato, per l’organico, carta, vetro, plastica e lattine. Avevamo ipotizzato la raccolta assieme di plastica e lattine, perchè nel Nord Italia ci sono impianti che dividono i due materiali a costi ridotti, qui non ci sono questi impianti e quindi i costi di selezione supererebbero i costi della raccolta monomateriale. Quindi faremo così.

Ogni bidone è chippato. Quindi se il cittadino sbaglia a mettere la spazzatura che succede?
Viene fatta una segnalazione bonaria, l’operatore metterà un adesivo nel contenitore per segnalare la difformità. Se questo viene ripetuto si arriva anche alla contravvenzione. Su queste cose però non servono i vigili urbani e le sanzioni serve di più una campagna di comunicazione molto attenta, coinvolgere la gente e le scuole.

Se si mette un contenitore chippato per ogni frazione e per ogni utenza i costi potrebbero ancora aumentare.
I costi non aumenteranno perchè ci sarà una riduzione consistente del costo dello smaltimento del rifiuti indifferenziato. Se la bottiglia di plastica si mette nell’indifferenziato diventa un costo, se si getta nel differenziato è una risorsa. Bisogna dire che gli imballaggi li paghiamo, ad esempio le bottiglie di plastica che compriamo. E sugli imballaggi c’è una tassa che il cittadino inconsapevolmente paga, una tassa trattenuta dal consorzio nazionale sugli imballaggi e viene restituita ai comuni quando questa bottiglia va in una delle piattaforme gestita dai consorzi. Quindi l’unico modo per far tornare questo costo è, nell’esempio della bottiglia, gettarla nel rifiuto differenziato. Se la si mette nell’indifferenziato la si paga due volte.

Come lo si fa capire ai marsalesi? Perchè al di là delle inefficienze della raccolta rifiuti c’è spesso un comportamento ostinatamente incivile da parte dei cittadini che gettano rifiuti in maniera selvaggia, come i materassi e le lavatrici gettate nel centro storico.
Sono alcuni cittadini. Accadono anche nel nord Italia. Bisogna ridurre il numero dei cittadini che si comportano in maniera poco virtuosa. Questo metodo di raccolta responsabilizza i cittadini, perchè ogni contenitore è collegato all’utente che è responsabile di quello che mette dentro. E questo fa anche capire chi butta i rifiuti bene e chi in mezzo alla strada.

La comunicazione dell’Ato e dell’Aimeri negli ultimi anni è stata molto disastrosa, la classica campagna pubblicitaria che non parla a nessuno. Quale potrebbe essere il vostro piano sulla comunicazione?
Avrà un costo importante nell’appalto. Siamo sui tre euro ad abitante per il primo anno e un euro e mezzo per gli anni successivi. E’ importante non smettere di comunicare i risultati che si ottengono. Il cittadino si vedrà premiato nella bolletta anche perché ha compreso meglio come differenziare.

In maniera pragmatica come si farebbe la campagna di comunicazione?
Contano tutti gli strumenti con cui il cittadino “dialoga” con il servizio. Quindi lettere, istruzioni, calendario a casa con i giorni dell’esposizione. Poi verranno moltiplicati i momenti di incontro con i cittadini e con le utenze specializzate, con i condomini che devono avere una informazione specializzata, e anche con le utenze non domestiche. Il confronto diretto è una cosa fondamentale. Altra cosa su cui si deve investire è la comunicazione nelle scuole. A volte si considera banale, ma la forza della comunicazione nelle scuole sta nella coerenza tra quello che si dice e quello che si fa. Se formi bene i giovani cittadini è come se metti dei piccoli carabinieri nelle case.

Nelle scuole non solo si deve fare comunicazione sulla differenziata, ma soprattutto la stessa raccolta differenziata. Nelle scuole marsalesi non ci sono cestini differenziati, e i bambini non conoscono, in maniera pratica, la differenziazione del rifiuto.
Ci sono dei progetti nelle scuole in cui ci sono i raccoglitori per la raccolta differenziata e ogni classe è a turno responsabile di una frazione. Si possono mettere in concorrenza i veri istituti per cpire che raccoglie di più la plastica, o l’alluminio.

Che succede se il vostro piano non passa?
Perderà la città. Oggi proponiamo qualcosa di possibile, di cui si sono visti i risultati in molte parti d’Italia. E’ la cosa giusta che serve alla città. Spero che prevalga il buonsenso piuttosto che l’appartenenza politica.

C’è chi dice che Marsala dovrebbe ancora ragionare in ambito comprensoriale e non in Aro perchè in questo modo si possono gestire meglio, su scala, le risorse e progettare impianti comuni.
Il servizio che c’è oggi è stato progettato in ambito comprensoriale. Sarebbe una cosa senza senso, perchè Marsala ha un’entità particolare e ha il titolo per determinare le scelte che riguardano il futuro del territorio.

Un altro punto del vostro piano è la tariffazione puntuale. Cos’è e come funziona?
Il sistema che noi proponiamo porterà a una riduzione dell’8-10% rispetto a quanto si è pagato nel 2015. Ci sarà la possibilità dei cittadini di essere premiati in base a come conferiscono i rifiuti.

Come?
Questo metodo prevede una quota fissa, e una quota variabile calcolata sul numero degli svuotamenti del contenuto del rifiuto indifferenziato. Meno indifferenziato produci più risparmi.

Attualmente ci sono i cosiddetti premi all’isola ecologica. Si portano i rifiuti e vengono pesati e registrati e poi i più virtuosi ottenevano una premialità. Anche se la cosa non funzionava per il verso giusto, con ricevute pazza, e spesso maggiorate a discrezione dell’operatore. Non sarà così?
Questi chip messi in ogni contenitore consentono di individuare la produzione di ogni rifiuto di ogni utenza.

Quali sono i vostri obbiettivi?
Il 65% di raccolta differenziata per il primo anno. E il 70% a partire dal secondo anno. Se il primo anno questo obbiettivo non verrà raggiunto saranno applicate delle penalità all’azienda. Se il primo ano l’azienda raggiunge un obbiettivo che è il 70% c’è una premialità. Il risparmio sul conferimento in discarica andrà una parte al Comune, e una parte all’azienda che gestisce il servizio che però sarà costretta a riportare una parte di questi soldi agli operatori sul territorio.

Non è che poi non si presenta nessuno a partecipare a questa gara?
Una gara per oltre 90 milioni di euro per sette anni, vorrei vedere che non ci sia concorrenza.

Quando arriverà il vostro piano in consiglio comunale?
C’è la gara da fare, e l’attuale servizio è in scadenza a settembre, e bisognerà arrivare con il servizio affidato.

Fonte: TP24.it

Fiumicino porta a porta, lo speciale di Canale10

Mentre l’amministrazione di Fiumicino continua il suo percorso per l’estensione della raccolta porta a porta (http://bit.ly/1TBlU9I) con incontri con la cittadinanza e tramite il sito fiumicinodifferenzia.it, l’emittente locale Canale 10 dedica uno speciale alla differenziata.
Il sindaco Montino, la presidente del Consiglio Michela Califano, l’assessore all’Ambiente Roberto Cini, tecnici e dirigenti, spiegheranno tutte le modalità del corretto conferimento e gli obiettivi da raggiungere con la partenza del servizio.

Con il contributo qualificato di ESPER e del suo direttore tecnico ing. Salvatore Genova

Guarda lo speciale “Porta a porta” di Canale10

Sacchetti monouso di plastica: in Francia divieto in vigore dal 1 luglio 2016

Posticipato di qualche mese rispetto alla data iniziale, il 1 luglio 2016, in Francia, entrerà in vigore il divieto alla vendita e distribuzione (gratuita o a pagamento) degli shopper monouso in plastica per asporto merci e dal 1 gennaio 2017 il divieto si estenderà anche ai sacchi per il confezionamento di frutta e verdura. Sono esclusi dal divieto i sacchi frutta e verdura compostabili (seconda la norma NFT51-800), ottenuti da materie prime rinnovabili e idonei al compostaggio domestico.

Il decreto di attuazione è stato pubblicato nella Gazzetta Ufficiale francese il 30 marzo 2016. La messa al bando riguarda gli shopper in plastica con spessore sotto i 50 micron. Gli shopper compostabili, invece, dovranno gradualmente aumentare la percentuale di materie prime rinnovabili: 30% a partire dal 1 gennaio 2017, 40% dal 1 gennaio 2018, per poi salire al 50% dopo il 1 gennaio 2020 e al 60% a partire dal 1 gennaio 2025.
Positivo il commento dell’associazione delle bioplastiche francese Club Bio-plastiques. “Accolgo con favore – ha sottolineato il presidente Christophe Doukhi-de Boissoudy –  la pubblicazione del decreto attuativo della legge “transition énergétique” e l’implementazione della misura sugli shopper monouso che aspettavamo da molto tempo. I sacchetti compostabili – si legge ancora nella nota – contribuiscono in modo efficace all’ottimizzazione della raccolta differenziata del rifiuto organico, promossa peraltro dalla legge transition énergétique”.
Il decreto è stato fortemente promosso e sostenuto dal Ministro dell’Ambiente Ségolène Royal, con l’obiettivo di ridurre gli impatti ambientali connessi alla produzione, distribuzione e dispersione dei sacchi di plastica. Inoltre con la sostituzione dei sacchi di plastica con quelli compostabili, gli operatori del settore prevedono una crescita del comparto delle bioplastiche da fonti rinnovabili e la creazione di 3000 nuovi posti di lavoro.

Ad Enzo Favoino, della Scuola Agraria del Parco di Monza, abbiamo chiesto un parere sul requisito francese che prevede l’idoneità dei sacchetti al compostaggio domestico. “Su questo punto – ha spiegato Favoino ad Eco dalle Città – la Francia, a differenza dell’Italia, ha scelto un requisito più elevato. A livello pratico però questo elemento non è fondamentale per lo scopo prefissato. Nel caso del compostaggio domestico il sacchetto non serve. A livello industriale, invece, i bioshopper in regola con la norma italiana sono pienamente compostabili”.

Fonte: Eco dalle Città