rifiuti_plastica_mare

La corrente marina trasporta la plastica fino all’Artico. Focus del G7

Il ministro Galletti: l’Italia aderisce alla coalizione anti-inquinamento di 11 paesi. Un studio documenta la presenza di plastica nelle acque a est della Groenlandia e a nord della Scandinavia

Le acque del Mar Glaciale Artico sono l’ultima destinazione dei rifiuti di plastica che galleggiano nell’Atlantico settentrionale. Lo si legge in un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Science Advances, che documenta la presenza abbondante di plastica nelle acque a est della Groenlandia e a nord della Scandinavia, nonostante la bassa densità demografica di queste aree.
I ricercatori hanno battuto le acque artiche in cerca di rifiuti di plastica, rinvenendone quantitativi modesti nei mari del Circolo polare artico. I detriti di plastica sono risultati invece abbondanti nel mare di Groenlandia e nel mare di Barents.
Qui gli esperti hanno stimato la presenza di centinaia di tonnellate di detriti plastici nelle acque superficiali, a cui va aggiunto un quantitativo superiore di rifiuti finiti sui fondali marini. Analizzando le tipologie di detriti, gli scienziati hanno trovato conferma del fatto che la plastica per la maggior parte ha viaggiato a lungo, provenendo dalle coste dell’Europa nordoccidentale, dal Regno Unito e dalla costa orientale degli Usa. Grazie all’uso di 17mila boe satellitari, i ricercatori hanno in seguito confermato che i rifiuti si muovono verso il Polo a causa della circolazione termoalina, cioè del movimento globale delle masse d’acqua negli oceani, detto anche Grande nastro trasportatore. Sebbene la plastica a galla nell’Artico sia solo il 3% del totale, concludono gli studiosi, la corrente termoalina causerà un progressivo accumularsi di rifiuti in queste acque, con “effetti preoccupanti sull’ecosistema unico dell’Artico“.
Al G7 dell’Ambiente di Bologna, il 10 giugno prossimo, si farà il punto sulla lotta all’inquinamento prodotto dalla plastica. Lo ha annunciato il ministro dell’Ambiente, Gian Luca Galletti. “La mattina di sabato 10 giugno, in collaborazione con la Francia, vogliamo fare il punto sulla Coalizione per ridurre l’inquinamento da buste di plastica, con evento a latere del G7 – ha detto il ministro. – Per ora hanno aderito 11 Paesi e speriamo che il numero cresca”.
L’Italia è da sempre fortemente impegnata su questo tema: fin dal 2006 sono state adottate misure a livello legislativo volte a ridurre la produzione ed il consumo di buste di plastica e dal 2012 le buste di plastica monouso sono state messe al bando, facendo registrare una drastica riduzione del loro consumo.

Fonte: E-Gazette