aroBA2

RASSEGNA STAMPA – Continuano i lavori per la gara d’appalto dell’Aro Bari 2

Si è conclusa martedì sera la due giorni della commissione giudicatrice per l’espletamento della gara d’appalto del servizio di raccolta e trasporto di rifiuti solidi urbani e rifiuti differenziati, nonché dei servizi complementari, dell’Aro Bari 2. Aro che comprende i Comuni di Modugno (capofila), Bitetto, Bitritto, Binetto, Palo del Colle, Sannicandro e Giovinazzo.

L’appalto durerà per 9 anni, per un importo di circa 132 milioni di euro. La commissione si era riunita una prima volta il 18 dicembre scorso (http://www.palolive.it/news/Attualita/343821/news.aspx).

Verificata la corretta sigillatura dei plichi pervenuti, è stata aperta la Busta A Documentazione, per la verifica dei requisiti di partecipazione alla gara, provvedendo alle operazioni finalizzate all’ammissione o all’esclusione motivata dei concorrenti. Delle 6 aziende che si sono presentate, è stata esclusa la Linea Gestioni srl di Crema perché all’interno della busta A si è riscontrata la presenza di un documento a corredo delle offerte economiche, circostanza che comportava l’esclusione dal bando.

Le altre 5, invece, sono state ammesse con riserva alle verifiche sulle dichiarazioni fatte in sede di gara. Sono aziende che, per lo più, si sono costituite in Ati (associazione temporanea d’impresa).

L’Eco Nord di Milano è in associazione con Tra.de.co di Altamura rispettivamente al 63% e al 37%. L’Asv San Galli di Monza è in Ati con Avr di Roma e Asv di Bitonto rispettivamente al 64%, 28% e 8%. Ambiente 2.0 di Assago è invece il consorzio di cui fanno parte Pianeta Ambiente al 2% e Aimeri Ambiente al 98%. Il consorzio Cns di Bologna ha come imprese esecutrici Navita di Modugno al 42% e A.s.a. di Latina al 32%. Cogeir e Imprtesa dal Fiume sono in Ati con Cns al 17% e all’8,5%. Infine la Repuperi pugliese (capogruppo) ha come imprese mandanti la Teknoservice al 27%, la Camastambiente al 27% e la Tekneko al 18%.

Successivamente ci sarà un sorteggio ai sensi dell’art.48 del d.lgs. 163/06, in cui ogni azienda dovrà dichiarare i requisiti previsti in sede di gara. Subito dopo ci sarà l’ammissione dei progetti e, in seduta riservata, la valutazione del progetto tecnico. Infine l’apertura delle buste economiche, con la comunicazione dei punteggi dell’offerta tecnica e la dichiarazione di aggiudicazione provvisoria.

Fonte: Palo Live