anci_conai

ANCI – CONAI. Associazione Comuni Virtuosi: “chi ha i soldi ha vinto”?

Dopo la chiusura dell’accordo ANCI-CONAI e la pubblicazione degli allegati tecnici (l’accordo quadro è stato firmato lo scorso aprile, l’ultimo allegato tecnico, quello relativo alle materie plastiche, è stato pubblicato solo lo scorso novembre), ACV, protagonista di una battaglia finalizzata al miglioramento delle condizioni contrattuali per i Comuni, considerate penalizzanti, effettua un analisi puntuale dello stesso. Rimarcandone i limiti…
Si preannuncia un’uscita “a puntate” l’analisi effettuata dall’ACV dell’Accordo Quadro ANCI CONAI. Il primo punto messo sotto la lente d’ingrandimento è quello degli aumenti dei corrispettivi che CONAI riconoscerà ai Comuni per far fronte ai “maggiori oneri” di un raccolta differenziata. Corrispettivi che CONAI ha definito nei suoi comunicati stampa “significativi”.
ACV mette in discussione proprio la “significatività” di questi aumenti: ad oggi i Comuni riceveranno cifre largamente insufficienti alla copertura dei costi di un servizio di raccolta differenziata. Anche considerando gli incrementi dei corrispettivi prima citati che porteranno a “oltre 400 milioni” l’importo complessivo ( (nel 2013 sono stati 341.146.819 euro) non si arriverebbe ancora a coprire neanche la metà di quanto i comuni spendono. Rimane purtroppo quanto mai di attualità la rilevazione fatta nel 2008 dall’Antitrust con il rapporto IC26 : la RD degli imballaggi ” è una risorsa economica che i Comuni italiani non riescono a sfruttare e che potrebbe invece, con un opportuno ricorso al mercato, garantire ai cittadini un servizio di raccolta migliore e tariffe più basse”.

Vi invitiamo a leggere questa prima uscita di ACV.