acv

ANCI-CONAI, ACV: un’altra occasione persa

Sono passati alcuni mesi da quando l’Associazione Comuni Virtuosi, sulla base di uno studio elaborato da ESPER ed in occasione della scadenza dell’accordo ANCI-CONAI, ha attivato una campagna finalizzata al cambiamento dei parametri dell’accordo, chiedendo a gran voce un miglioramento delle condizioni a favore dei Comuni.
Da allora oltre 200 Comuni hanno  sottoscritto le proposte dell’Associazione Comuni Virtuosi (ACV). La campagna ha ricevuto l’appoggio anche di Consorzi, sedi regionali dell’Anci, per un totale di oltre 4.500.000 cittadini rappresentati.

Si era infatti rilevato come i Comuni Italiani fossero  in condizioni di grande difficoltà: da un lato i continui tagli dei trasferimenti di Stato e Regioni rendevano sempre più difficile garantire livelli minimi di servizi per cittadini, dall’altro le norme di indirizzo dell’UE e nazionali, anche nel settore della raccolta differenziata, indicavano ed indicano correttamente la necessità di raggiungere obiettivi minimi di intercettazione e riciclo di materia dai rifiuti.
Questi servizi hanno evidentemente dei costi importanti che, se non compensati da adeguati corrispettivi per vendita degli imballaggi, rischiano di ricadere unicamente nelle bollette di famiglie e imprese. Di fatto i nostri Enti Locali si trovavano ad affrontare con scarsissime risorse e strumenti una situazione di massima difficoltà su cui non hanno la possibilità di incidere a monte nel processo di formazione dei rifiuti da imballaggi (i Comuni non possono infatti influenzare le modalità di consumo e progettazione degli imballaggi o rendere obbligatorio il vuoto a rendere). Imballaggi che costituiscono il 35-40% in peso e il 55-60 % in volume della spazzatura che si produce ogni anno in Italia.

Il funzionamento del sistema governato dall’Accordo Quadro Anci –Conai è alla base semplice e comprensibile: per ogni imballaggio prodotto e immesso nel mercato, il produttore versa ai consorzi un contributo denominato CAC (Contributo Ambientale Conai) che dovrebbe essere trasferito ai Comuni quando l’imballaggio, passando per la raccolta differenziata, viene riconsegnato ai consorzi. Sono cifre importanti, che dovrebbero essere destinate a coprire i costi di raccolta e, se ben utilizzate, contribuire concretamente a diminuire la bolletta dei cittadini.

Ma delle centinaia di milioni di euro all’anno che vengono incassati dal Sistema Conai, ACV sottolineava come solo poco più di un terzo venisse girato ai Comuni e queste risorse spesso non entrano neppure nelle casse comunali poiché vengono in gran parte utilizzate per pagare le piattaforme private che si occupano delle preselezione di tali flussi. Considerando l’ultimo dato disponibile riferito al 2011 si evinceva inoltre che i Comuni avrebbero beneficiato di circa 297 milioni al lordo dei costi di preselezione (si stima che al netto di tali costi rimanga circa la metà ai comuni) a fronte del ricavo totale annuale del sistema Conai di 813 milioni.

Sulla base di queste considerazioni e di un confronto con realtà europee (scarica lo studio integrale), l’Associazione Comuni Virtuosi ha individuato dei punti su cui far leva ed elaborato proposte in tal senso:

  1. Aumentare il Contributo ambientale Conai (CAC) Riconoscendo che la crisi ha comportato una minore immissione al consumo di imballi ed un minor gettito per il Contributo Ambientale Conai, si ritiene che questo mancato introito non debba penalizzare i Comuni che sostengono i costi per i servizi di raccolta e rischiano di non ricevere un corrispettivo adeguato alla spesa sostenuta (nel 2011, in media, solo un terzo dei costi delle raccolte era sostenuto dai corrispettivi Conai per un campione in cui veniva raggiunto il 35 % di RD mentre nei Comuni dove si raggiunge il 65 % di RD il tasso di copertura dei costi è pari al 20 % circa). È evidente che la compensazione dei costi delle RD deve essere allineata a quella degli altri paesi europei (adesso è pari a un terzo di quella portoghese e la più bassa in assoluto tra quelle dei paesi esaminati) deve provenire sia da una maggiore riduzione dei costi di struttura del sistema Conai che da un deciso aumento del CAC che deve essere commisurato in base alla effettiva riciclabilità degli imballaggi penalizzando fortemente le frazioni perturbatrici del riciclaggio e favorendo gli imballaggi totalmente riciclabili con bassi costi ambientali energetici ed economici.
  2. Modalità di verifica della qualità del materiale conferito – È necessario assicurare che la fase di valutazione qualitativa del rifiuto conferito dai Comuni sia effettuata con la massima indipendenza, correttezza e trasparenza da un soggetto terzo e individuando precise modalità di campionamento dei materiali. Oggi le verifiche vengono effettuate da soggetti scelti unicamente dai consorzi di filiera
  3. Il parziale riconoscimento dei maggiori oneri della RD ai Comuni da parte del CONAI – Si chiede di triplicare l’entità dei contributi CONAI operando una progressiva riduzione dei costi operativi e di struttura del sistema Conai ed un riallineamento del CAC (ora siamo al 25 % circa della media europea)
  4. Estendere e riconoscere ai comuni i contributi per tutti i materiali plastici effettivamente riciclabili – Estendere e riconoscere ai comuni i contributi per tutti i materiali plastici effettivamente riciclabili partendo da oggetti che già i cittadini conferiscono “per errore” con gli imballaggi di plastica. In questa direzione si è mosso Bloomberg sindaco di New York che ha recentemente esteso la raccolta della plastica a beni di plastica rigida come giocattoli e articoli casalinghi.
  5. Eliminare qualsiasi voce di spesa del sistema CONAI destinato all’incenerimento – Eliminare qualsiasi voce di spesa del sistema CONAI destinato all’incenerimento  (operato quasi sempre all’estero) , e destinare i contributi a sostegno di cicli chiusi di recupero della materia con particolare attenzione alle frazioni plastiche residue che in Veneto e Toscana hanno già dimostrato la loro efficacia anche per quanto riguarda la creazione di nuovi posti di lavoro.

All’inizio di aprile 2014 ANCI e CONAI hanno comunicato in un comunicato congiunto di aver raggiunto un accordo per la sottoscrizione dell’Accordo di Programma Quadro che regolamenterà la raccolta differenziata degli imballaggi nel prossimo quinquennio 1/4/14 – 31/3/19.
Ad una prima lettura, le reazioni di ACV non è stata positiva, tanto da portare la stessa a chiedersi se il nuovo accordo non rappresentasse un’altra occasione persa (Siglato Accordo Quadro Anci-Conai, un’altra occasione persa? Titolava il sito dell’ACV). Nell’attesa di visionare gli allegati tecnici (resi pubblici infine solo a novembre), l’attenzione si è incentrata sugli aumenti dei corrispettivi che CONAI verserà ai Comuni, definiti “significativi” nel comunicato congiunto, ma valutati assolutamente insufficienti da ACV: “non possiamo che valutare come altamente insufficienti gli aumenti dei contributi resi noti:  + 10,6%  per la plastica (che vale il 54% dei contributi CONAI) e un aumento medio tra il 16 e 17% per gli altri materiali.
Inoltre rispetto a quanto dichiarato da Corepla,  e cioè che  “l’incremento del 10,6 %, tenuto conto della mancata applicazione delle restrizioni delle fasce di qualità previste per il 2013 dall’accordo vigente, sale al 16,6%”,  aspettiamo di leggere con attenzione l’allegato tecnico per capire se e come i costi di smaltimento della frazione estranea verranno addebitati.
I casi documentati nel nostro Dossier e lo studio successivamente presentato dall’ATOR3 riferito alla Provincia di Torino,  avevano messo in evidenza l’insostenibilità economica e ambientale del precedente accordo che sottrae risorse economiche ai comuni e condiziona fortemente la possibilità degli stessi di raggiungere gli obiettivi di recupero di materia previsti dall’Europa e dalla Normativa Italiana.
Per meglio chiarire come non possano essere considerati “significativi” gli aumenti annunciati ricordiamo che i corrispettivi che i Comuni ricevono dal Conai coprono solamente il 28,7 e 32% dei costi sostenuti dai Comuni, come documentato da studi realizzati dalla Provincia di Torino e Anci Lombardia